menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ooccupazione del suolo pubblico: se ne parla in consiglio comunale

Caserta - Lunedì ( 19 gennaio) è convocato il prossimo consiglio comunale di Caserta, fra le tante interrogazioni c'è quella del consigliere comunale Di Lella riguardante l'occupazione del suolo pubblico.La questione è stata portata alla ribalta...

Lunedì ( 19 gennaio) è convocato il prossimo consiglio comunale di Caserta, fra le tante interrogazioni c'è quella del consigliere comunale Di Lella riguardante l'occupazione del suolo pubblico.
La questione è stata portata alla ribalta dall'Associazione "Luca Coscioni" di Caserta e dall'Associazione Radicale " Legalità & Trasparenza"- nel momento in cui i responsabili delle sedette associazioni si sono trovati imbrigliati in prassi della burocrazia più becera.
Afferma Luca Bove rappresentante dell'associazione Radicale " Legalità & Trasparenza" : " Per noi radicali e per i compagni della Coscioni la vera politica è quella fatta insieme alla gente, con la gente nelle piazze e nelle strade con le nostre bandiere e le nostre proposte e l'unico mezzo che abbiamo è quello di fare il maggior numero possibile di tavoli informativi sulle nostre iniziative purtroppo la possibilità di scendere in piazza a Caserta è resa proibitiva da un regolamento anomalo e soprattutto non trasparente.
Infatti il regolamento del comune di Caserta impone una trafila burocratica asfissiante nell'ottenere l'autorizzazione dell'occupazione del suolo pubblico dove viene imposto a qualsiasi associazione un pagamento di 44 euro, divisi da marca da bollo e fantomatici diritti d'istruttoria. Ciò è in pieno contrasto con la legge ordinaria la quale esonera da ogni pagamento di qualsiasi tassa le iniziative politiche.
Bove continua dicendo che nella scorsa settimana è stata protocollata al comune vanvitelliano una nostra proposta di modificare il regolamento riguardante " l'occupazione del suolo pubblico" firmata da Francesco Giaquinto per il gruppo Radicale di Caserta e da parte di Domenico Letizia come segretario della cellula Coscioni di Caserta. Dove viene chiesto l'abolizione di ogni pagamento, per le iniziative di carattere politico-sociale, inoltre viene richiesto anche che venga abolito ogni limite temporaneo per l'autorizzazione dell'occupazione del suolo pubblico infatti il regolamento in vigore fissa un limite di 8 ore per ogni iniziativa.

Domenico Letizia spera che la questione si risolva al più presto, perché è inaccettabile che un Comune usi la tassazione come strumento per limitare la inviolabile libertà di espressione di ogni individuo, gruppo e associazione.
Bove insieme a Letizia e Giaquinto e tutto il gruppo dei Radicali di Caserta e l'associazione Coscioni di Caserta ringraziano il consigliere comune Di Lella il quale nella seduta del consiglio comunale di Caserta del 19 gennaio compierà un'interrogazione all'assessore competente su questo tema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento