menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zone Franche, Bassolino scrive a Tremonti: ripristinare norme iniziali

Napoli - Il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino ha inviato al ministro dell'Economia Giulio Tremonti una lettera in cui chiede il ripristino delle norme iniziali sull'attuazione dei progetti di Zona Franca Urbana.Questo il testo...

Il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino ha inviato al ministro dell'Economia Giulio Tremonti una lettera in cui chiede il ripristino delle norme iniziali sull'attuazione dei progetti di Zona Franca Urbana.

Questo il testo:
Onorevole ministro,
nel DL 194 approvato il 30/12/09 (il cosiddetto "milleproroghe") è stata inserita una norma che prevede modifiche fortemente penalizzanti per i progetti attuativi delle Zone Franche Urbane. Questo strumento è stato introdotto per favorire, attraverso la defiscalizzazione, la nascita di piccole imprese e, contemporaneamente, nuova occupazione nelle aree a forte disagio sociale ed economico.
Nella loro impostazione iniziale, le Zone Franche Urbane prevedevano infatti esenzioni graduali e decrescenti nel tempo a favore delle nuove imprese sulle imposte dirette, sull'Irap, sull'Ici e sui contributi per lavoratori dipendenti neoassunti. Le nuove norme introdotte attraverso il milleproroghe sostituiscono invece queste agevolazioni con deduzioni fiscali parametrate sull'Ici versata dalle imprese, sui contributi previdenziali dei lavoratori dipendenti e su ulteriori possibili contributi forfettari versati dai Comuni interessati. Si tratta - se venisse approvata una simile normativa - di un cambiamento molto negativo rispetto a quel sistema di fiscalità di vantaggio automatico previsto con la normativa iniziale sulle Zone Franche.
Questa misura, nei suoi connotati originari, è stata molto sollecitata da imprenditori, sindacati ed enti locali proprio perché potrebbe rappresentare un'occasione importante di stimolo a nuovi investimenti produttivi, in particolare nel Mezzogiorno, dove si concentra la maggior parte delle ZFU.
Complessivamente, il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti individuato 22 Zone Franche, di cui 16 nelle regioni del Sud. Per la Campania sono state selezionate tre aree: Napoli Est, Mondragone e Torre Annunziata. Credendo fortemente in questi progetti, la Regione Campania ha messo a disposizione ulteriori risorse aggiuntive, rispetto a quelle nazionali, per sostenere queste tre iniziative.

Sono state previste nuove agevolazioni a favore dei giovani neoassunti e risorse finanziarie finalizzate alla realizzazione di progetti di videosorveglianza in aree dove forte è la presenza della criminalità organizzata. Siamo infatti convinti che la libertà d'impresa, la legalità e le nuove opportunità di lavoro per i giovani debbano camminare assieme e rappresentano le condizioni essenziali per lo sviluppo economico.
Per queste motivazioni, essendo nota la tua attenzione su queste tematiche, ti chiedo di promuovere in seno al Governo tutte le iniziative indispensabili al ripristino dell'originaria normativa sull'attuazione delle Zone Franche Urbane".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Autostrada liberata dopo 10 ore di inferno. "Andiamo a Roma"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento