menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio Regione, La Sinistra: 'Da comportamento Pd dipenderanno future alleanze'

Napoli - "Il comportamento che il Pd avrà in occasione del Bilancio 2010 è destinato a incidere sulle scelte delle alleanze per le prossime elezioni regionali".E' quanto ha affermato il gruppo regionale de La Sinistra che, con il capogruppo...

"Il comportamento che il Pd avrà in occasione del Bilancio 2010 è destinato a incidere sulle scelte delle alleanze per le prossime elezioni regionali".
E' quanto ha affermato il gruppo regionale de La Sinistra che, con il capogruppo Tonino Scala, il vice capogruppo Antonella Cammardella, e i consiglieri Angelo Giusto, Marcello Chessa e Gerardo Rosania hanno tenuto una conferenza stampa, stamani, presso la sede del Consiglio regionale.
"In questa legislatura abbiamo assistito, in troppe occasioni, ad un Pd che non ha tenuto fede agli impegni assunti nei confronti dei partiti della coalizione - ha sottolineato Scala - indebolendo, di fatto, l'intero centro sinistra. Oggi, in vista delle regionali, occorre che il centro sinistra cambi pelle e ritrovi la propria sintonia e progettualità politica: per questo lavoreremo fino in fondo ma, se non avremo risposte adeguate, valuteremo anche l'ipotesi di andare da soli alle elezioni o di aprire il dialogo con altre forze politiche in sintonia con la nostra".

Ancora più netto il presidente della Commissione sanità Angelo Giusto: "dopo il fallimento della corsa solitaria alle elezioni politiche, il Pd sta riproponendo lo stesso errore riflettendo in solitudine sulle elezioni regionali e sulle possibile primarie per la individuazione del candidato presidente. Tutto ciò sta avvenendo in assenza di confronto con le forze politiche della coalizione e, pertanto, mette a rischio la tenuta dell'alleanza. Il prossimo banco di prova sarà il Bilancio nel quale invitiamo tutte le forze politiche e, soprattutto, il Pd a stare alla larga dalla tentazione di ' merendamenti'". "In occasione di diversi provvedimenti legislativi e, in ultimo, del Piano-casa c'è stato il mercanteggiamento tra Pd e PdL - ha evidenziato Rosania - e solo grazie all'azione politica della sinistra il Piano-casa è stato interamente riscritto all'insegna della legalità, contro l'abusivismo, nel rispetto del territorio e a favore dell'edilizia sociale popolare. Non vorremmo che lo stesso schema consociativo si riproponesse in occasione del Bilancio 2010 per il quale invitiamo le forze del centro sinistra a trovare una sintesi e le ragioni stesse dell'alleanza a cominciare dalle proposte di cui siamo sostenitori: il reddito a favore delle fasce deboli, la tutela dei territori e i fondi per rendere operativa la legge sulla casa".
"Anche sulla legge elettorale e per la rappresentanza di genere il nostro contributo è stato determinante - ha sottolineato Cammardella - , che ha aggiunto: "è stata conquista molto dura e dovuta a poche forze politiche perché in Consiglio regionale c'è stato molto maschilismo elettorale, soprattutto da parte del Pd: anzi, sorprende che, oggi, alla luce della pronuncia positiva della Corte Costituzione sulla doppia preferenza, un 'misogino' come il capogruppo Ciarlo si dica a favore della elezione delle donne".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento