menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Romano (Pdl) su camorra: beni confiscati e fermi: 'no a basse speculazioni politiche'

Napoli - Il presidente del Gruppo Pdl in Consiglio regionale della Campania Paolo Romano ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Col sequestro di beni riconducibili alla camorra casertana per 20 milioni di euro ma anche con l'esecuzione dei...

Il presidente del Gruppo Pdl in Consiglio regionale della Campania Paolo Romano ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"Col sequestro di beni riconducibili alla camorra casertana per 20 milioni di euro ma anche con l'esecuzione dei fermi di oggi per il cosiddetto 'pizzo di Natale' lo Stato ha scritto una importante ennesima buona pagina del suo impegno quotidiano contro la criminalità e l'illegalità. Alla magistratura e alle Forze dell'Ordine va il nostro più vivo senso di gratitudine.Dispiace però che vi sia chi non esita a brandire il lavoro del governo, dei magistrati e delle Forze dell'Ordine per mera, fin troppo facile e bassa speculazione politica. Nessun cittadino, vorrei dunque ricordare ad Amato, ha bisogno di riabilitarsi da alcunché, tanto più se componente del governo che più di ogni altro si è battuto con rigore assoluto contro la camorra, fino a sentenza passata in giudicato. Nessun cittadino.
Ed è un principio di democrazia, questo, che chi vive da protagonista le istituzioni democratiche, dovrebbe ben conoscere. A meno che non sia, ancora oggi, troppo legato a quei cosiddetti 'ideali' che hanno giustificato le peggiori e sanguinose pagine della storia dell'umanità: quelle caratterizzate dall'oscurantismo, dalle purghe, dalle torture, dai processi sommari dell'era staliniana. Quegli pseudo ideali che generano il peggiore dei climi possibili e che in molti casi partoriscono ancora oggi violenze d'ogni tipo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento