menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lopa (Pdl): 'No all'imbustamento del pane obbligatorio'

Napoli - Invito gli artigiani campani a ribellarsi con tutte le loro forze a questo abominio normativo che prevede l'imbustamento obbligatorio del pane artigianale. Non comprate le macchine imbustatrici e le connesse buste di plastica ma...

Invito gli artigiani campani a ribellarsi con tutte le loro forze a questo abominio normativo che prevede l'imbustamento obbligatorio del pane artigianale. Non comprate le macchine imbustatrici e le connesse buste di plastica ma continuate ad avvolgere i fragranti pezzi di pane nella carta, che ritengo l'imballaggio piu' adeguato per salvaguardare la qualita' di un prodotto alimentare come questo'. Cosi si è espresso Aldo Di Biagio, Responsabile Italiani nel Mondo del Pdl nonche' primo firmatario di un'interrogazione sottoscritta anche da Italo Bocchino, Barbara Saltamartini, Marcello Taglialatela, Edmondo Cirielli, Mario Landolfi, Gianfranco Paglia, Giampiero Catone, Gioacchino Alfano, Vincenzo Garofalo e Vincenzo Fontana e sottoposta ai ministri Scajola, Zaia e Fitto in merito alla normativa campana in materia di panificazione.In una Regione come la Campania in cui sussiste un elevato grado di illegalita' in molteplici settori produttivi, nei quali molte norme restano completamente disattese provoca non poche perplessita' l'esigere l'applicazione di una legge incostituzionale e demolitoria della tradizione artigianale campana, come la 2/2005, che immagino porti non pochi vantaggi ai suoi promotori nonche' alle aziende produttrici dei macchinari per il confezionamentò.'E' necessario che tutti i panificatori campani si riuniscano e dimostrino chiaramente il loro disappunto verso questa legge e l'obbligo che questa ha introdotto soprattutto perché l'onere inammissibile che questa comporta rischierà di far chiudere l'80% degli artigiani che non potranno sostenere queste spese ingiustificate.Per Rosario Lopa, esponente Campano del PdL, l'iniziativa di Di Biagio unitamente ai deputati campani,è importante per il settore, come sarebbe necessario, per combattere la piaga dei forni abusivi, una sorta di carta d'identità del pane a livello regionale, per poter garantire al consumatore la qualità, la provenienza, gli ingredienti e la tracciabilità del pane, dal forno alla tavola del consumatore e valorizzare l'arte bianca con iniziative di concerto con gli operatori ed a beneficio dei consumatori, per far emergere la qualità e l'identità territoriale del pane, con serrati controlli da parte degli organi competenti del Mipaaf e delle forze dell'ordine, e anche con degli incentivi a favore dell'apprendistato, per favorire il lavoro dei giovani nelle botteghe di fornaio. Se fosse combattuto con forza l'abusivismo che erode il margine di guadagno del panificatore, ha concluso Lopa, si potrebbe anche pensare di abbassare notevolmente i prezzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento