menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laboratorio Sociale Millepiani in piazza per gli spazi pubblici

Caserta - "Il Laboratorio Sociale Millepiani porta in piazza una mostra fotografica per denunciare la svendita del patrimonio pubblico e gli impegni non ancora mantenuti da parte del Sindaco Petteruti a trovare uno spazio dignitoso per le...

"Il Laboratorio Sociale Millepiani porta in piazza una mostra fotografica per denunciare la svendita del patrimonio pubblico e gli impegni non ancora mantenuti da parte del Sindaco Petteruti a trovare uno spazio dignitoso per le iniziative del laboratorio.
Da 6 anni il laboratorio sociale millepiani è ospitato all'interno dell'ex Caserma Sacchi, uno degli ultimi immobili pubblici di proprietà comunale rimasti a Caserta. In questi anni tutte le amministrazioni che si sono succedute alla guida del Comune di Caserta hanno praticamente svenduto tutto il patrimonio pubblico ai privati per realizzare spesso nuovi negozi, centri commerciali o, peggio ancora, palazzine! Una città non vive senza spazi pubblici, senza piazze, senza luoghi aggregativi e di socialità. Nei nostri 6 anni di iniziative sociali, di cineforum, concerti e dibattiti pubblici su temi cittadini e sono solo, di lotte in difesa del diritto all'abitare e per l'apertura del Macrico alla città, contro le discariche e per la pedonalizzazione del centro storico, abbiamo dimostrato che il patrimonio pubblico può essere autogestito dai cittadini senza spendere milioni di euro!
Nei prossimi giorni, saremo in piazza per far conoscere la nostra storia, le nostre battaglie, il nostro desiderio di un'altra città possibile, con più luoghi di aggregazione, più servizi sociali gratuiti (casa, reddito, trasporti), più verde, più spazi aggregativi e meno smog, meno cave, meno centri commerciali. Saremo in piazza per mostrare alla città quanti spazi sono ancora abbandonati e che potrebbero essere dati in gestione ai cittadini senza spendere neanche un euro per favorire una socialità gratuita e non mercificata, senza attendere che questi posti siano rasi al suolo o peggio ancora che sul suolo pubblico comunale gli speculatori di turno ci costruiscano ville e palazzi o centri commerciali (come nel caso dell'Iperion). Saremo in piazza anche per denunciare che il Macrico, nonostante tutti i proclami di questi mesi, è ancora chiuso e che invece potrebbe essere aperto alla città fin da subito, come il parco verde di cui abbiamo bisogno per vivere meglio. Per denunciare che, nonostante le nostre battaglie, la nostra sede (l'ex Caserma Sacchi) è ancora senza acqua e senza servizi igienici, nonostante il Sindaco un anno fa avesse preso l'impegno di trovare una sistemazione dignitosa per le nostre iniziative. Proprio un anno fa infatti il Sindaco aveva preso l'impegno di mettere a disposizione delle associazioni nuovi spazi aggregativi: solo adesso però si rende conto che il patrimonio comunale è ormai prosciugato, tutto in mano a privati! Come l'ex Caserma Sacchi, una struttura immensa che doveva diventare la casa delle associazioni e che invece sta per diventare la sede di uffici! Una struttura antica che in qualsiasi altra città sarebbe diventata un luogo aperto alla città e alle iniziative sociali a Caserta diventa sede delle burocrazie amministrative!
E' necessario che l'amministrazione comunale di Caserta si assuma l'impegno e la responsabilità di incrementare piuttosto che di svendere il patrimonio pubblico, favorendone la riqualificazione in senso sociale e attraverso la partecipazione attiva dei cittadini. In pratica spendendo pochi soldi e migliorando la vivibilità cittadina.
La nostra battaglia per gli spazi pubblici e per l'incremento del patrimonio comunale da affidare ad associazioni e cittadini proseguirà in queste settimane con banchetti e campagne di informazione, con iniziative simboliche e dibattiti pubblici.

Gli appuntamenti sono: giovedì 26 novembre dalle ore 9 alle 13 in piazza Vanvitelli (di fronte al Comune), sabato 28 novembre dalle 16 alle 21 in piazza Duomo, giovedì 3 dicembre dalle 9 alle 13 in piazza Vanvitelli (sotto al Comune), domenica 6 a p.zza Duomo (dalle 9/13), giovedì 10 in p.zza Vanvitelli (9/13), domenica 13 in p.zza Duomo (9/13).
Porteremo in piazza una mostra sullo stato di abbandono degli ultimi immobili pubblici rimasti a Caserta, una mostra di denuncia degli scempi che la svendita del patrimonio pubblico ha arrecato alla città!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento