menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Giorgio citt del gioco ma non del gioco violento

San Giorgio a Cremano - Garantire la sicurezza di persone e di cose nelle principali zone pedonali della città. Con questo obiettivo il sindaco Giorgiano ha emesso una ordinanza che consente il gioco del calcio solamente con palloni di spugna...

Garantire la sicurezza di persone e di cose nelle principali zone pedonali della città. Con questo obiettivo il sindaco Giorgiano ha emesso una ordinanza che consente il gioco del calcio solamente con palloni di spugna nelle seguenti aree: piazza Troisi; piazza Vittorio Emanuele II; piazza San Pio da Pietralcina; piazza Europa; area di via Salvator Rosa antistante il cinema Flaminio; area giardini di via Cappiello e via Marconi; aree via Margherita di Savoia e corso Umberto I; parco giochi in via Cavalli di Bronzo; parchi pubblici comunali. Si tratta di una misura che vuole contrastare l'azione dei troppi giovani che si divertono a colpire con pallonate passanti, vetrine degli esercizi commerciali, automobili in transito e non una misura punitiva per i bambini e le bambine sangiorgesi.

"Con tutte le iniziative organizzate esclusivamente per i più piccoli - dichiara l'assessore alla Sicurezza Franco Barone - San Giorgio a Cremano è soprattutto la Città dei bambini e delle bambine. La nostra amministrazione, infatti, è sempre molto sensibile ai diritti dell'infanzia e, pertanto, favorisce in tutti i modi il gioco, così come stabilito dalla Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia. Tuttavia, il gioco del calcio non può essere consentito indiscriminatamente in tutte le aree ad uso pubblico in ragione del pericolo che si determina per i passanti, per la circolazione veicolare e per i danni causati alle cose".
Al trasgressore sarà sequestrato il pallone dal personale di polizia municipale e dalle altre forze di polizia addette alla vigilanza per la corretta osservanza della disposizione. Solo dopo il pagamento della sanzione amministrativa, stabilita nella misura ridotta di 50 euro, il pallone potrà essere restituito al proprietario disobbediente. Appositi cartelli di segnaletica daranno la possibilità di riconoscere immediatamente le zone dove è in vigore la restrizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento