menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manzo (Pdl) denuncia la non presenza dasili nido comunali nella V Municipalit

Napoli - "Con l'accorpamento delle circoscrizioni e la creazione delle Municipalità, tutti i servizi comunali avrebbero dovuto adeguarsi alle nuove realtà istituzionali e alle nuove esigenze che tali realtà avrebbero dovuto far fronte. Ed invece...

"Con l'accorpamento delle circoscrizioni e la creazione delle Municipalità, tutti i servizi comunali avrebbero dovuto adeguarsi alle nuove realtà istituzionali e alle nuove esigenze che tali realtà avrebbero dovuto far fronte. Ed invece nulla è cambiato, anzi le ex circoscrizioni contavano molto di più delle attuali Municipalità. E' quanto dichiara Manzo che aggiunge: sicuramente, una delle tante esigenze, che era già molto sentita nell'ambito delle circoscrizioni e che si è accentuata con la formazione delle municipalità, è la non presenza d'asili nido comunali. Tale singolarità impedisce notevolmente nelle possibilità, specie nelle giovani coppie, di mettere al mondo dei bambini visto che spesso i coniugi sono costretti a lavorare entrambi, mentre riuscire a costruire nuovi asili nido li potrebbe invogliare maggiormente a diventare genitori e, nel frattempo, la realizzazione di tali strutture potrebbe contribuire ad incrementare l'occupazione. Purtroppo l'attuale amministrazione di centro sinistra non ha intrapreso alcun'iniziativa finalizzata a trovare ed utilizzare risorse economiche per dare un'adeguata risposta alle esigenze dei cittadini, eppure era approvata dalla Regione Campania la delibera n.2300 del 29.12.07 pubblicata sul Burc n.5 del 4.2.08 che approvava il piano per l'apertura di tre asili aziendali di cui uno presso l'azienda ospedaliera Cardarelli ed inoltre il Comune risulta fortemente in ritardo circa la procedura da avviare per utilizzare una consistente quota delle risorse messe in campo dalla Regione Campania (300 milioni di euro) per il progetto denominato "Una comunità, una scuola di qualità" in attuazione del PO FESR 2007/2013. Insomma - conclude Manzo, mentre la Iervolino discute e si scervella sul come difendersi e mantenersi stretta la poltrona evitando di assumere alcuna iniziativa?tanti genitori sono costretti, loro malgrado, a dover far frequentare ai propri bambini gli asili nido privati, con tutte le conseguenze economiche che ne derivano, tra cui il blocco della crescita del tasso di natività oltre che dell'occupazione."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento