menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonavitacola (Pd) interroga Brunetta su bibliotecario

Valva - L'Onorevole Fulvio Bonavitacola ha presentato, nella giornata di venerdì scorso, una interrogazione a risposta scritta indirizzata al Ministro della P. Amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta, per avere urgenti chiarimenti circa...

L'Onorevole Fulvio Bonavitacola ha presentato, nella giornata di venerdì scorso, una interrogazione a risposta scritta indirizzata al Ministro della P. Amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta, per avere urgenti chiarimenti circa "?le condizioni di estremo disagio in cui si è costretto a lavorare il signor Carmine Alfano, dipendente del Comune di Valva, addetto alla Biblioteca"."?è una scandalosa vicenda, si legge nell'interrogazione di Bonavitacola, che vede vittima il dipendente Alfano, con implicazioni di ordine civile, amministrativo e di rispetto del fondamentale diritto alla salute sul luogo di lavoro, peraltro pubblico".
Di seguito breve riassunto della vicenda."Tutto ha inizio nel marzo del 2004, quando il dipendente Carmine Alfano viene improvvisamente destinato, con ordine di servizio, alla biblioteca comunale. Locali che solo un anno prima erano stati trasferiti dai piani alti di un antico palazzo del centro antico in un seminterrato: scarsamente illuminato e privo di impianto di riscaldamento. La condizione dell'impiegato è ulteriormente aggravata da una disabilità alle gambe. Dopo aver inutilmente evidenziato all'Amministrazione le condizioni in cui è costretto a svolgere la sua attività lavorativa, si è rivolto alla competente autorità sanitaria. Ma nemmeno l'esito di alcuni sopralluoghi di quest'ultima, favorevoli alle istanze del dipendente, serve a molto. L'ordine di servizio, infatti, non viene revocato. Della questione arriva ad interessarsi anche l'allora deputato Vincenzo De Luca. Successivamente, l'uomo si rivolge all'avvocato Giuseppe Serrelli, che invia al Sindaco di Valva Michele Cuozzo un atto di diffida e costituzione in mora. Arriva la risposta del sindaco. In essa si affermava che l'ordine di servizio fu emanato per "?venire incontro alle necessità?" del dipendente, il quale "?venne tolto da un prefabbricato in zinco e trasferito in una struttura in cemento armato". Nella Biblioteca non ci sono mai fruitori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento