menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro, Iodice (Pd) incontra operatori socio sanitari

Caserta - Il segretario provinciale del Partito Democratico, Enzo Iodice, ha incontrato gli operatori socio sanitari dell'ex Asl Caserta 1, che da mesi sono senza stipendio e vedono a rischio il posto di lavoro."Ho portato la mia solidarietà ai...

Il segretario provinciale del Partito Democratico, Enzo Iodice, ha incontrato gli operatori socio sanitari dell'ex Asl Caserta 1, che da mesi sono senza stipendio e vedono a rischio il posto di lavoro.
"Ho portato la mia solidarietà ai lavoratori - fa sapere Iodice -. Il PD sarà impegnato nel trovare una soluzione alla loro vicenda. In queste settimane - aggiunge - è riesplosa con forza la questione-lavoro in provincia di Caserta, destinata ad aggravarsi nei prossimi mesi in tutti i settori, dalla scuola all'industria. Su questi temi la voce del partito si è già levata alta: non possiamo restare in silenzio di fronte all'impoverimento di Terra di Lavoro e alla perdita di ulteriori posti. Ormai è a rischio il destino di una larga fetta di cittadini casertani e il PD sarà protagonista di una nuova stagione di sostegno e di iniziativa politica, ponendo il lavoro e il Mezzogiorno in cima all'agenda delle priorità".

Sono circa 120 gli operatori della sanità (operatori socio sanitari, ma anche assistenti sociali, psicologi, educatori professionali) impegnati nella nuova battaglia e lavorano in particolare nei presidi ospedalieri di Maddaloni, Marcianise e San Felice, nella Rsa di Caserta e al Dipartimento di salute mentale di Caserta. "Chiederò un incontro urgente al commissario Gambacorta, per individuare un percorso di uscita da questa ennesima emergenza", dichiara il segretario Iodice.
Gli operatori sono soci-lavoratori di cooperative sociali e non ricevono lo stipendio da oltre 4 mesi. Inoltre, in alcuni ambiti come la salute mentale di Caserta, vivono lo spettro della perdita del lavoro, se l'Asl attuerà il taglio alle loro prestazioni in strutture semiresidenziali come il centro diurno di Caserta. "Il rischio da scongiurare - conclude Iodice - è quello di determinare non solo un danno occupazionale ma anche assistenziale verso gli utenti dei servizi di psichiatria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Positiva al Covid insultata e minacciata dai vicini di casa

  • Attualità

    Macrico, 3 parlamentari M5s: "Ci batteremo per l'inedificabilità"

  • Cronaca

    Svaligiata tabaccheria: rubate sigarette e gratta e vinci

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento