Associazioni di Comuni: dalla Regione 4,5 mln di euro

Napoli - L’Assessorato regionale ai Rapporti con il sistema delle autonomie e dei piccoli comuni, guidato da Andrea Abbamonte, ha definito la graduatoria dei quattordici progetti finanziati con i contributi di attivazione dei fondi 2006 (1,5...

L’Assessorato regionale ai Rapporti con il sistema delle autonomie e dei piccoli comuni, guidato da Andrea Abbamonte, ha definito la graduatoria dei quattordici progetti finanziati con i contributi di attivazione dei fondi 2006 (1,5 milioni di euro) e i provvedimenti per l’accesso ai contributi a sostegno dell’associazionismo per l’anno 2007 (circa 3 milioni di euro).
“Con questi provvedimenti valorizziamo ulteriormente i servizi associati dei piccoli comuni - spiega l’assessore Abbamonte - e, al tempo stesso, semplifichiamo la filiera istituzionale, rafforzando il ruolo delle Comunità montane. Non è un caso, infatti, che rispetto agli anni precedenti il numero delle Comunità montane finanziate è raddoppiato”.
Per quanto riguarda la graduatoria dei contributi 2006, le Comunità montane ammesse a finanziamento sono: Alto Tammaro (119.980 euro), Fortore (119.980 euro), Partenio (120mila euro), Lambro e Mingardo (61.338 euro), Penisola Sorrentina (120mila euro), Bussento (120mila euro), Alento Monte Stella (120mila euro), Penisola Amalfitana (120mila euro), Alto e Medio Sele (29.500 euro), Monti Picentini (119mila euro). A queste, si aggiungono le Unioni dei comuni: Agro Unito (120mila euro), Santi Sanniti (120mila euro), Area Caserta Sud-Ovest (77.508 euro), e Appia (120mila euro). Tra i servizi finanziati emergono quelli di: polizia locale, trasporto scolastico, illuminazione pubblica, gestione demanio agricolo e forestale, formazione del personale, urbanistica e gestione del territorio, protezione civile, asili nido, gestione del patrimonio immobiliare, sicurezza dei sistemi informativi, e biblioteche. “Il risultato - aggiunge Abbamonte - dimostra, in concreto, un recuperato ruolo strategico delle Comunità montane nello sviluppo e nella valorizzazione delle nostre piccole realtà locali, in linea sia con le norme della Codice delle autonomie locali del ministro agli Affari regionali Lanzillotta, sia con il Disegno di legge regionale di riordino delle Comunità montane approvato lo scorso luglio dalla Giunta della Campania”. Con i provvedimenti per l’anno 2007, invece, l’assessorato regionale ai Rapporti con il sistema delle autonomie e dei piccoli comuni mette a regime la Riforma dei contributi a sostegno dell’associazionismo comunale, per elevare il livello qualitativo della crescita delle piccole realtà locali e, in alcuni casi, consentirne l’accesso a servizi pubblici essenziali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Anche in questo caso il sistema di sostegno è teso, da un lato, a premiare le forme forti di associazionismo, quali Unioni di comuni e Comunità montane, e, dall’altro, ad accompagnare le Amministrazioni pubbliche coinvolte tanto nell’avvio dei progetti quanto lungo il difficile cammino dell’integrazione”, conclude Abbamonte. Il sistema si articola lungo tre linee diverse di contributo: il contributo di attivazione, per l’avvio delle attività; il contributo ordinario, per garantire continuità ai servizi già avviati in anni precedenti; e il contributo straordinario, per incentivare la trasformazione delle forme associative deboli (associazioni) in strutture più forti (unioni).
Aspetto inedito della Riforma è la collaborazione tra Regione e Amministrazioni pubbliche mediante controlli e monitoraggi sui progetti finanziati per adeguare questi ultimi alle reali esigenze delle comunità locali interessate o coinvolte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Treno deragliato, chiuso un tratto dell'A1. Automobilisti 'sequestrati' in autostrada

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento