rotate-mobile
Politica Portico di Caserta

Mobilita', il Tribunale rigetta il ricorso del Sindacato

Portico di Caserta - La Sezione Lavoro del Tribunale di S. Maria C.V. con sentenza della giudice Anna Rita Motti, letto l’articolo 28 L. n. 300/70, ha rigettato il ricorso presentato dal Diccap (Sindacato Provinciale Enti Pubblici della provincia...

La Sezione Lavoro del Tribunale di S. Maria C.V. con sentenza della giudice Anna Rita Motti, letto l’articolo 28 L. n. 300/70, ha rigettato il ricorso presentato dal Diccap (Sindacato Provinciale Enti Pubblici della provincia di Caserta) contro in Comune di Portico di Caserta, sanzionando la sigla sindacale col pagamento delle spese processuali.Il sindacato provinciale – è riportato in un comunicato dell’Ente Comune - era intervenuto tempo addietro su una deliberazione specifica, la 104/2006 inerente questioni di mobilità interna, individuando un comportamento antisindacale del Comune stesso nella mancata convocazione di un tavolo di concertazione reclamato in ordine alla citata deliberazione e comunque, la mancata apertura di un dialogo di confronto. La Diccap, con lo scopo di assistere i suoi dipendenti, chiedeva di disporre l’eliminazione e l’annullamento della deliberazione contestata e dei suoi effetti e dichiarare che la convenuta fosse tenuta alla convocazione del tavolo di concertazione. Il Comune di Portico di Caserta ritualmente citato si costituiva, difeso dai legali avv. Francesco Piccirillo e avv. Pasqualino Nacca, eccependo il difetto di giurisdizione del giudice adito, la carenza di legittimazione attiva del ricorrente e nel merito, l’insussistenza di qualsivoglia condotta antisindacale.In effetti, viene specificato nel testo del giudicato del Tribunale di S.Maria C.V., la concertazione si effettuata per le materie previste dall’art.16, comma 2 del Contratto Collettivo, il CCNI e per specifiche materie. La sentenza indica specificamente che la materia della variazione delle dotazioni organiche non viene ricompresa nella succitata elencazione.
“Non lo è in quanto, ad avviso di questo Giudice – è riportato nel verdetto della dr.ssa Anna Rita Motti della Sezione Lavoro – essa attiene ad una fase prodromica rispetto alle eventualità contemplate dalla norma, fase che si realizza mediante atti di macroorganizzazione.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilita', il Tribunale rigetta il ricorso del Sindacato

CasertaNews è in caricamento