rotate-mobile
Politica Maddaloni

Rifondazione fuori dalla maggioranza

Maddaloni - "La bocciatura dei Piani di Insediamento Produttivo e la sottovalutazione delle possibilità di intervento dell’ASI, la perdita di finanziamenti preziosi per la realizzazione dello svincolo autostradale di Maddaloni, che avrebbe dato...

"La bocciatura dei Piani di Insediamento Produttivo e la sottovalutazione delle possibilità di intervento dell’ASI, la perdita di finanziamenti preziosi per la realizzazione dello svincolo autostradale di Maddaloni, che avrebbe dato grandi opportunità di sviluppo alla eventuale zona industriale; lo stallo dei Piani di Edilizia Economica e Popolare e la mortificazione della iniziativa delle cooperative locali, con i prezzi di acquisto e di locazione delle case che vanno alle stelle; la mancanza di proposte sulla questione dei passaggi a livello, con il rischio che l’irresponsabilità dell’amministrazione ricada sulle spalle dei cittadini; la preoccupante situazione delle casse dell’Ente derivante da una esposizione finanziaria esasperata e dalla mancanza di volontà e capacità di incidere sul nodo della evasione dei tributi, salvaguardando le fasce sociali più deboli; il disinteresse verso le proposte sull’abbattimento delle barriere architettoniche e sulla necessità degli asili-nido pubblici; la incredibile e inconcludente gestione della vertenza dell’elettrodotto Matera-Santa Sofia, la virtuale raccolta differenziata dei rifiuti e l’inadempienza dell’azienda rispetto al capitolato d’appalto, la palese inutilità dell’Unione dei Comuni, il silenzio sulla discarica Lo Uttaro … un lungo elenco di errori che delinea un quadro altamente critico.
Il PRC ha chiesto costantemente e con pazienza di inaugurare una nuova fase della politica locale, basata sulla partecipazione dei cittadini e sul protagonismo dei partiti, e di procedere, con un lavoro condiviso ad una verifica programmatica e politica. Ciò non è stato fatto: al contrario si è perseverato con atteggiamenti escludenti a danno delle associazioni, dei movimenti e anche di una forza politica, come Rifondazione Comunista, che è parte fondamentale dell’Unione a livello nazionale, regionale e provinciale e che è portatrice di valori e di idee importanti e utili allo stesso equilibrio della coalizione, come abbiamo avuto modo di dimostrare con il nostro puntuale impegno sulle questioni programmatiche e politiche, e con il nostro ruolo di grande responsabilità nella battaglia sull’elettrodotto, sulle discariche e a fianco dei giovani del centro sociale.
In questa situazione non possiamo che dichiarare la nostra estraneità a questa maggioranza e l’impegno a riaprire il dibattito, immediatamente, sulle questioni che interessano la cittadinanza, promuovendo, iniziative sulle vertenze territoriali e ambientali, sui diritti civili e sociali, sul lavoro e lo sviluppo, aprendo cantieri delle sinistre e lavorando per il rinnovamento dell’Unione e la rinascita della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifondazione fuori dalla maggioranza

CasertaNews è in caricamento