Caso Felicia, Ciaramella: 'provvedimenti disciplinari'

Aversa - «Esprimo la solidarietà dell’intera città alla signora Felicia, persona affabile che conosco molto bene. Sarò presente alla conferenza stampa ed alla fiaccolata della solidarietà organizzata dai genitori del Carratù». Anche il Sindaco...

«Esprimo la solidarietà dell’intera città alla signora Felicia, persona affabile che conosco molto bene. Sarò presente alla conferenza stampa ed alla fiaccolata della solidarietà organizzata dai genitori del Carratù». Anche il Sindaco Ciaramella interviene nel clamoroso caso Felicia, la signora affetta da distrofia muscolare che si è vista rifiutare la rimodulazione del Budget di Cura con la frase “tutti devono morire”. “Il 2003 - prosegue il Sindaco Ciaramella - è stato proclamato Anno Europeo delle Persone con Disabilità, ma, a quanto pare, non tutti si sono fermati a riflettere sulla condizione dei disabili, dal momento che continuano a ripetersi episodi gravissimi. C'è un'incapacità culturale a comprendere l'handicap, che nasce dall'incapacità di ascolto della sofferenza umana. Chiedo al Direttore Generale dell’ASL CE 2 Angela Ruggiero di intervenire con provvedimenti disciplinari verso quei dipendenti che hanno sbagliato offendendo la signora Felicia. Sarebbe un segnale forte ed inequivocabile. Esistono persone che considerano l'handicap una maledizione, una condanna che rende inutile ed insopportabile la vita; ma io che sono stato un giorno intero con i disabili del Carratù, durante la vacanza nella Fattoria Didattica, posso affermare che queste persone con gravi disabilità non vivono una non-vita. Basterebbe ascoltare i disabili del Carratù, lasciar loro la possibilità di esprimersi, per rendersi conto che la vita ha potenzialità straordinarie anche quando è oppressa, umiliata ed appesantita dalle ferite dell’handicap. La vicenda della signora Felicia chiede a ciascuno di noi, a tutti, di fermarsi un attimo a riflettere sul diritto alla felicità anche per chi vive il dramma di una grave malattia come la distrofia muscolare”. “Mi rivolgo ancora – conclude Ciaramella - alla Ruggiero e le chiedo di non farsi sfuggire anche questa occasione per intervenire a favore dei disabili gravissimi del Carratù”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

  • La Dea bendata bacia il casertano: vinti 100mila euro

Torna su
CasertaNews è in caricamento