Politica

Parentopoli grillina, Moronese assume compagno e scoppia a piangere

Santa Maria Capua Vetere - Urla, accuse e polemiche hanno acceso la riunione dei senatori grillini che, secondo quanto si apprende, si è concentrata sul caso di Barbara Lezzi e Vilma Moronese (senatrice sammaritana), entrambe "sotto accusa" per...

055012_vilma_morronese

Urla, accuse e polemiche hanno acceso la riunione dei senatori grillini che, secondo quanto si apprende, si è concentrata sul caso di Barbara Lezzi e Vilma Moronese (senatrice sammaritana), entrambe "sotto accusa" per avere assunto come assistenti dei parenti: la Lezzi ha assunto la figlia del compagno e la Moronese ha assunto il proprio compagno. Entrambe le senatrici si sono difese, con toni molto accesi, sostenendo di non aver violato alcuna regola dal momento che i due compagni non sono conviventi. Ma su questo punto molte le repliche piccate di chi e' sposato: "Allora devo divorziare per poter assumere anch'io la mia compagna?", ha chiesto sarcastico un senatore 5 stelle. La senatrice Moronese è stata vista uscire in lacrime dalla riunione.
A lanciare la scintilla l'agguerrita Laura Bignami nell'incontro, la scorsa settimana, con Beppe Grillo e poi rimbalzata nei meetup di tutta Italia. Lunedì Bignami ha disertato la riunione, ma sul tavolo è finita comunque l'assunzione di collaboratori da parte di alcuni parlamentari: in alcuni casi - è l'accusa avanzata - non sarebbero mancate corsie preferenziali per parenti, partner e «amici di».Ma le polemiche non si placano, anzi. Qualcuno denuncia "il clima disgustoso e avvilente che c'è qui dentro, clima vessatorio e ricattatorio. É vergognoso". Volano parole grosse anche contro i "sospettati": "Siamo finiti sui giornali per colpa tua", grida una senatrice attaccando un collega.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parentopoli grillina, Moronese assume compagno e scoppia a piangere

CasertaNews è in caricamento