Politica

Regione, Paolucci (Pd), ricandidature e nomine: Caldoro risponda

Napoli - "Caldoro, pure impegnato in questi giorni nelle votazioni per l'elezione del Presidente della Repubblica, ha trovato, ancora una volta, e in maniera più sgradevole del solito, il tempo per entrare nel merito delle vicende interne al...

170450_paolucci

"Caldoro, pure impegnato in questi giorni nelle votazioni per l'elezione del Presidente della Repubblica, ha trovato, ancora una volta, e in maniera più sgradevole del solito, il tempo per entrare nel merito delle vicende interne al Partito Democratico, mentre continua a non rispondere alle domande su cui invece ha il dovere parlare. Si ricandida o non si ricandida? E poi: che cosa ne pensa dei 'saldi di fine stagione' avviati dalle parti di Palazzo Santa Lucia e dintorni?", lo scrive su Facebook il vice capodelegazione del Pd al Parlamento europeo Massimo Paolucci.
"Non sono domande di poco conto: i cittadini della Campania e tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, hanno il diritto di sapere se, chi li ha governati in questi cinque anni, intende sottoporre il suo operato al giudizio popolare. Soprattutto se il diretto interessato continua a dire di essere il più bravo di tutti. Intanto, gli altri governatori uscenti, tutti, hanno già detto cosa faranno, mentre lui, Caldoro, continua a sfuggire e a non fare chiarezza", spiega.

"Anche sulla questione 'saldi di fine stagione' Caldoro deve rispondere: cosa ne pensa delle assunzioni all'Arlas e al Mercadante? A suo avviso, sono stati rispettati tutti i giusti criteri di tempistica e di trasparenza? Quegli stessi criteri che lui ha strumentalmente utilizzato ad inizio legislatura per attuare il più radicale spoil system nella storia della Regione Campania. Salvo poi rimangiarseli in seguito - spiega - nominando dirigenti che andranno ben oltre la scadenza del suo mandato. Fino a queste ultime ore, quando, attraverso i suoi uffici, ha intimato la Fondazione Ravello di far uscire la Regione dal Cda (e farle perdere i finanziamenti) se non avesse riconfermato Renato Brunetta al vertice".
"A parte lo squallore della minaccia, ma davvero Caldoro vuole farci credere che Ravello non vive senza Brunetta? Per favore, sia serio, Caldoro, e risponda alle domande", conclue Paolucci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Paolucci (Pd), ricandidature e nomine: Caldoro risponda

CasertaNews è in caricamento