menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Discarica, sen. D'Anna (GAL): 'Storia vecchia e nota. Sindaco Cerreto denuncio' tutto, ma non fu ascoltato'.

Maddaloni - "La 'scoperta' di una discarica di rifiuti tossici ed ospedalieri nella Cava Monti di Maddaloni (CE), che avrebbero raggiunto la falda acquifera, non ci coglie affatto di sorpresa". Così il senatore Vincenzo D'Anna (GAL), componente...

"La 'scoperta' di una discarica di rifiuti tossici ed ospedalieri nella Cava Monti di Maddaloni (CE), che avrebbero raggiunto la falda acquifera, non ci coglie affatto di sorpresa". Così il senatore Vincenzo D'Anna (GAL), componente della Commissione Igiene e Sanità dell'aula di Palazzo Madama. "Qualcuno ignora, o forse finge di farlo -prosegue il parlamentare - che già qualche anno fa l'allora sindaco Antonio Cerreto ordinò il sequestro dell'area, denunciò l'eventuale presenza di scorie, delimitò i fondi agricoli adiacenti e vietò finanche il pascolo e le coltivazioni". Successivamente, rivela ancora D'Anna: "l'Agenzia Regionale Arpac analizzò alcuni campioni prelevati nella Cava con esito negativo. La Procura, che inizialmente aveva sequestrato i suoli, visto l'esito delle analisi, fu costretta ad archiviare il caso e il Tar, tirato in ballo dai proprietari dei fondi, annullò le ordinanze sindacali di divieto. Ora arriva lo strepito della stampa e la nuova iniziativa della Procura. Insomma, si chiude il recinto quando i buoi sono già scappati tutti". "Se vero -conclude D'Anna - questo caso dimostra, in maniera emblematica, come la Terra dei Fuochi sia una cosa vecchia e nota. Piuttosto dobbiamo chiederci chi pagherà adesso. Sicuramente i cittadini esposti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento