Politica

Tav, ricorso del Comune di Acerra al Capo dello Stato

Acerra - La Giunta comunale di Acerra, riunitasi questa mattina alla presenza del sindaco Raffaele Lettieri, ha deliberato di proporre Ricorso Straordinario al Capo dello Stato, per l'annullamento, previa idonei provvedimenti cautelari, contro il...

La Giunta comunale di Acerra, riunitasi questa mattina alla presenza del sindaco Raffaele Lettieri, ha deliberato di proporre Ricorso Straordinario al Capo dello Stato, per l'annullamento, previa idonei provvedimenti cautelari, contro il Contratto istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della direttrice ferroviaria "Napoli - Bari - Lecce - Taranto" tra il ministero della Coesione territoriale, il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, la Regione Campania, la Regione Puglia, la Regione Basilicata, le Ferrovie dello Stato Italiane Spa e la Rete ferroviaria Italia Spa avente ad oggetto "la progettazione e la realizzazione fino all'entrata all'esercizio degli interventi della Direttrice ferroviaria Napoli - Bari -Lecce - Taranto" firmato il 02/08/2012 presso il ministero della coesione territoriale. Si ricorda, inoltre, che il Commissario straordinario con atto n.44 del 18/05/2012, deliberava già di proporre Ricorso al Capo dello Stato contro la Regione Campania, nonché, quale soggetto controinteressato, la Rete Ferroviaria Italia Spa Gruppo Ferrovie dello Stato e il Ministero dei Trasporti per l'annullamento della nota di Giunta regionale della Campania con oggetto il progetto preliminare "Variante alla linea Napoli - Cantello e delibera di Giunta Regionale della Campania n.103 del 13/03/2012.Il sindaco Raffaele Lettieri ha ribadito: «Su questa materia ancora non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione dalla Regione Campania, la stessa non ci ha informato sull'iter che intende proseguire. Leggiamo dichiarazioni dagli organi di informazione e sottolineiamo la mancanza di partecipazione democratica e di concertazione nelle decisioni da assumere. Siccome in passato, già al commissario prefettizio Dott. Marcello Fulvi, dalla Regione Campania fu inviata una comunicazione tre giorni prima della scadenza, non vorremo che lo stesso accada a noi. In gioco c'è il futuro ed il destino degli acerrani».Nella stessa seduta di oggi, la Giunta ha deliberato di erogare il contributo sotto forma di "buoni libro nominali" per ciascuno alunno che adempie l'obbligo scolastico e per gli studenti delle scuole superiori di questa città per l'anno scolastico 2011/2012 appartenenti a famiglie il cui reddito annuo riferito al 2011 non sia superiore ad un valore Isee di 10.633 euro, qualunque sia la composizione del loro nucleo familiare. La spesa finanziaria è di 159.610,00 euro. Il valore delle cedole librarie sono fissate così: 100 euro per I media inferiore, 70 euro per II e III media inferiore, 100 euro per la I Superiore, 50 euro per la II Superiore, 60 euro per la III superiore, 50 euro per la IV superiore, 50 euro per la V superiore.In materia di trasporto degli alunni per l'anno scolastico 2012/2013 e l'applicazione dei ticket la Giunta comunale di Acerra con la delibera n. 36 ha deciso di applicare una quota di contribuzione da parte dell'utente nella misura di 16 euro mensili procapite. Inoltre, la Giunta ha deciso di esonerare dal pagamento gli alunni frequentanti il plesso scolastico di contrada Pezzalunga, di stabilire che la graduatoria degli ammessi al servizio, qualora le richieste risultassero superiori alla disponibilità dei posti, verrà stilata nel rispetto di alcuni stringenti criteri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav, ricorso del Comune di Acerra al Capo dello Stato

CasertaNews è in caricamento