Politica

Falco (Udeur): permuta della chiesa di SantAntonio con la Curia va fatta

Nola - "Quella permuta della chiesa di Sant'Antonio con la Curia va fatta. In questo momento il concetto di alienare da parte dello Stato e degli Enti Locali, beni non utilizzati è regola. Dunque è valida anche per la chiesa di Sant'Antonio. La...

"Quella permuta della chiesa di Sant'Antonio con la Curia va fatta. In questo momento il concetto di alienare da parte dello Stato e degli Enti Locali, beni non utilizzati è regola. Dunque è valida anche per la chiesa di Sant'Antonio. La Chiesa è un privato di eccezione e dunque merita un'attenzione ulteriore" così Luigi Falco, consigliere comunale di opposizione nonché segretario provinciale dei Popolari-Udeur. Per la prima volta, l'ex Sindaco della città capoluogo si dice a favore dell'iniziativa del suo successore, Durante la mia gestione amministrativa - spiega l'ex primo cittadino - si decise di dare vita ad una momentanea associazione 'Amici di Sant'Antonio' in attesa della più definitiva Fondazione. Presidente dell'associazione sarebbe stato comunque Don Mario Vallarelli: quindi scopo dichiarato era quello di consentire alla stessa Chiesa la gestione dei beni che adesso sono in discussione. La destinazione di quei locali era nel rispetto di una antica tradizione: Sant'Antonio aveva ospitato da sempre orfani, sarebbe diventata la sede per accogliere i nuovi "Orfani": gli orfani di Patria, di cultura etc. etc. ci inventammo il concetto di ospitalità per la nuova orfananza. Non nego che avremmo di fatto concesso gratuitamente quello che oggi si sta invece permutando.
Ci sono problemi di ordine amministrativo contabile? Affrontiamoli e risolviamoli.. Ritengo giusto e doveroso affermare che è opportuno la gestione di Sant?Antonio da parte di don Claudio Nutrito e comunque della Chiesa. E' superabile il problema della congruità economica che in un discorso ampio può essere raggiunta tramite altre proprietà del sostentamento clero (vedi zone dell'area macrico in prossimità della zona stadio pinto che consentirebbe un ampliamento del centro sportivo e altro ancora)In tutta questa vicenda in verità non vedo "fumus" ma se qualcuno si ostinasse ad immaginarlo consiglio (oggi il mio ruolo è di dare consigli) di istituire una gratuita consulta di tecnici nominati da ogni gruppo consiliare comunale che assista Sindaco, Giunta e Dirigente,perché la città abbia la testimonianza precisa che quanto si sta facendo è nell'interesse generale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falco (Udeur): permuta della chiesa di SantAntonio con la Curia va fatta

CasertaNews è in caricamento