menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piedimonte comune capofila per un progetto dedicato ai giovani

Piedimonte Matese - Tredici comuni, sei istituzioni scolastiche di secondo grado, il Parco Regionale del Matese, la Confartigianato, il Collegio dei Periti agrari della Provincia di Caserta, un'Agenzia per il lavoro, tre Forum dei giovani, la CSV...

Tredici comuni, sei istituzioni scolastiche di secondo grado, il Parco Regionale del Matese, la Confartigianato, il Collegio dei Periti agrari della Provincia di Caserta, un'Agenzia per il lavoro, tre Forum dei giovani, la CSV Assovoce di Caserta: questi i numeri della ricca rete di partner che, sotto la guida di Piedimonte Matese, comune capofila, hanno sottoscritto nella giornata di martedì scorso, un progetto pilota da candidare a finanziamento regionale per l'accompagnamento dei giovani nella ricerca del lavoro. Si tratta della nuova frontiera dei Centri Informagiovani, che vengono concepiti in questo progetto in maniera innovativa ed interattiva: non più lo sportello dove l'operatore attende passivamente l'utente, bensì un complesso di azioni che raggiungono i giovani nelle loro comunità e nei luoghi che frequentano, a cominciare dalle scuole, per accompagnarli in un percorso attivo di orientamento e ricerca del lavoro, anche attraverso momenti di formazione. Insomma il servizio Informagiovani non si presenterà solo come un servizio di informazione, ma soprattutto come un sistema di comunicazione, comprensione e interpretazione di esigenze, problemi emergenti e della condizione sociale e culturale dei giovani del territorio; ciò favorirà sia il superamento del radicato atteggiamento di sfiducia nei confronti delle istituzioni che una cosciente e propositiva partecipazione alla vita sociale. Percorsi di mentoring, tutoring e counseling personalizzato porteranno alla stesura di veri e propri piani personalizzati di intervento sui giovani utenti. Si utilizzeranno gli strumenti più vicini all'esperienza dei giovani: social network, forum, bacheche, open day, ecc. per intercettare il loro interesse e parlare il loro linguaggio, prevedendo un servizio mobile che si sposterà tra gli istituti superiori del territorio e tutti i comuni interessati.Esprime tutta la sua soddisfazione il prof. Costantino Leuci, vicesindaco di Piedimonte Matese e Assessore alle Politiche giovanili che ha coordinato il complesso lavoro di rete tra tanti partner: "Voglio ringraziare tutti i soggetti che hanno aderito al progetto condividendone la innovatività, a cominciare dai Comuni del territorio, insieme ai quali abbiamo costruito il progetto, nel tavolo tecnico della rete costituitasi per il Piano Territoriale Giovanile, così come vuole l'orientamento delle politiche di settore della Regione Campania. Si tratta di un'occasione importante per dare un contributo, da parte delle pubbliche amministrazioni, al tema del lavoro per i giovani che tanto preoccupa noi tutti, tanto più che le risorse messe in campo dalla Regione sono diminuite rispetto al passato, richiedendo uno sforzo di creatività e innovazione. Il progetto infatti supera la vecchia logica della distribuzione a pioggia sul territorio delle già scarse risorse, a vantaggio di un intervento che massimizza i risultati e riduce lo spreco o comunque la sottoutilizzazione del denaro pubblico, producendo un modello che ha già riscosso l'apprezzamento dei funzionari regionali ai quali è stato presentato".Il progetto, se riconosciuto dalla Regione Campania, riceverà un contributo di 25.000 euro ai quali si aggiungeranno circa 6000 euro di cofinanziamento da parte dei comuni aderenti alla rete.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento