Politica

Primarie Pd, Dario Abbate: 'Abbiamo ricostruito e ridato dignita' al partito'. Endorsement di Desiderio per Carlo Marino

Caserta - Pochi giorni di campagna elettorale per i 10 candidati del Partito Democtratico alle Primarie per il Parlamento della provincia di Caserta. Dario Abbate, Loredana Affinito, Francesco Capobianco, Nicola Caputo, Lucia Esposito, Stefano...

081102_dario_abbate_bersani_ftv

Pochi giorni di campagna elettorale per i 10 candidati del Partito Democtratico alle Primarie per il Parlamento della provincia di Caserta. Dario Abbate, Loredana Affinito, Francesco Capobianco, Nicola Caputo, Lucia Esposito, Stefano Graziano, Carlo Marino, Giuseppina Picierno, Camilla Sgambato e Raffaella Zagaria, dovranno entro sabato prossimo, 29 dicembre e giorno delle primarie, cercare di convincere quenti più elettori democratici a spostare sul proprio nome la loro preferenza. Intanto ieri, mercoledì 26 dicembre alle ore 11:00, presso il Coordinamento provinciale del Pd Caserta in via Maielli, si è tenuto un incontro con i rappresentanti dei 10 candidati alle Primarie per il Parlamento. L'incontro è stato fissato dal vicesegretario facente funzioni Ludovico Feole per fare il punto sulle fasi della Primarie.
Intanto sulla rete continua la campagna elettorale dei candidati. Così l'ex segretario Dario Abbate su facebook: "Sono davvero commosso dall'affetto e dalla passione che molti di voi mi hanno trasmesso in questi due giorni. Vi ringrazio per gli attestati di stima e di adesione alla mia candidatura. Abbiamo preso in mano un partito commissariato pieno di debiti, uscito da due sonore sconfitte alle provinciali e nella città Capoluogo. Abbiamo cercato di ridare dignità al lavoro dei Democratici e delle Democratiche in questi 18 mesi. abbiamo ricostruito circoli, presenza sul territorio. Ridato una senso alla militanza e al volontariato politico. Tutto questo immagino sia il motivo della passione politica che la mia candidatura sta suscitando. E tutto questo ci farà vincere la sfida e continuare ad occuparci del Paese, della nostra Terra di Lavoro, e del nostro Partito".

Arriva anche l'endorsement del segretario cittadino del Comune Capoluogo Mauro Desiderio a favore di Carlo Marino: "Sono davvero commosso dall'affetto e dalla passione che molti di voi mi hanno trasmesso in questi due giorni. Vi ringrazio per gli attestati di stima e di adesione alla mia candidatura. Abbiamo preso in mano un partito commissariato pieno di debiti, uscito da due sonore sconfitte alle provinciali e nella città Capoluogo. Abbiamo cercato di ridare dignità al lavoro dei Democratici e delle Democratiche in questi 18 mesi. abbiamo ricostruito circoli, presenza sul territorio. Ridato una senso alla militanza e al volontariato politico. Tutto questo immagino sia il motivo della passione politica che la mia candidatura sta suscitando. E tutto questo ci farà vincere la sfida e continuare ad occuparci del Paese, della nostra Terra di Lavoro, e del nostro Partito".
Tra le donne la più determinata sembra essere la renziana Loredana Affinito: "La vera forza dell'Italia è il talento e la capacità degli italiani e sulla loro valorizzazione dobbiamo concentrare i nostri sforzi per il rilancio dell'economia. La scuola è, quindi, il terreno sul quale si gioca il futuro del Paese ed è li che dobbiamo tornare ad investire. Ma dobbiamo farlo con modalità nuove, che mettano al centro la qualità dell'educazione attraverso l'istruzione che diamo ai nostri figli. Dobbiamo valorizzare di più il merito dando maggiore spazio ai migliori, dobbiamo valorizzare di più la figura sociale dell'insegnante che ha il compito di formare i nostri giovani, prevedendo anche incentivi economici per gli insegnanti e i dirigenti più meritevoli.La formazione professionale, che oggi spesso serve solo ai formatori, deve essere riorganizzata e valorizzata: le competenze tecniche e artigianali rappresentano, infatti, la vera forza del modello italiano. Dobbiamo attuare una maggiore diffusione dei dati statistici sugli sbocchi occupazionali dei diversi corsi di formazione in modo che i nostri giovani possano scegliere, non solo in base alla loro attitudine, ma anche avendo la piena consapevolezza degli effettivi sbocchi. Dobbiamo, infine, rilanciare l'Università e la ricerca. L'Italia spende poco in questi settori ed il numero dei nostri ricercatori è molto basso rispetto agli altri paesi industrializzati e la loro età media, invece, drammaticamente più alta. Bisogna cambiare i metodi di reclutamento dando maggiore spazio ai migliori che spesso sono costretti ad andare all'Estero impoverendo così la nostra società".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie Pd, Dario Abbate: 'Abbiamo ricostruito e ridato dignita' al partito'. Endorsement di Desiderio per Carlo Marino

CasertaNews è in caricamento