menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passariello: 'I socialisti del Centro Destra pronti a lasciare Caldoro'

Caserta - Siamo pronti a lasciare Stefano Caldoro ed il Nuovo PSI al suo destino se non sarà urgentemente chiarita la nuova linea politica del Partito all'interno del Centro Destra – è quanto dichiara un folto numero di Dirigenti Nazionali e...

Siamo pronti a lasciare Stefano Caldoro ed il Nuovo PSI al suo destino se non sarà urgentemente chiarita la nuova linea politica del Partito all'interno del Centro Destra - è quanto dichiara un folto numero di Dirigenti Nazionali e Regionali del Nuovo PSI all'indomani della Segreteria Nazionale tenutasi a Roma nei giorni scorsi.A tal proposito è stato elaborato un documento politico, inviato al Presidente del Partito Stefano Caldoro ed al Segretario Nazionale Lucio Barani, nel quale il gruppo dirigente ha chiesto espressamente un rilancio della linea politica.Superato da tempo il Patto Fondativo di Roma che ha dato vita al Popolo della Libertà con la partecipazione del Nuovo PSI, è necessario aprire un confronto con tutte le forze politiche dell'area moderata-riformista, al fine di comprendere con chiarezza gli obiettivi futuri del partito.Bisogna contrastare l'immobilismo stagnante in cui versa il partito ogni giorno di più. - dichiara Laura Schianchi Vice Segretario Nazionale del Nuovo PSI - e non possiamo continuare a restare ai margini della discussione politica nazionale, nel momento in cui l'Italia attraversa uno dei periodi più difficili della propria vita repubblicana.Da sempre i Socialisti sono stati il sale delle riforme - continua la Schianchi - mentre oggi l'anima socialista del Centro Destra è assopita, è congelata in attesa degli eventi. Bisogna rilanciare l'azione politica del Nuovo PSI oppure fare scelte diverse che potrebbero catalizzare nuovi consensi, sfruttando al massimo la visibilità nazionale proprio del nostro Presidente Stefano Caldoro.E' difficile farsi identificare dall'elettorato, specialmente allorquando il nostro presidente del Partito ha in tasca la tessera di Forza Italia - afferma Sergio Passariello membro del Consiglio nazionale - Un' ambiguità che se da un lato premia la sua azione politica personale ed ha garantito fino ad oggi la stabilità politica in Regione Campania, dall'altro manda allo sbando quasi la totalità dei dirigenti ed iscritti del partito su molti territori.Tutto ciò non premia - prosegue Passariello - ne è la prova il fatto che proprio in Regione Campania stanno nascendo gruppi spontanei che si rifanno direttamente al presidente Caldoro e che si identificano come "Caldoriani" e che non hanno aderito al Nuovo PSI.Siamo sempre rimasti compatti - dichiara Mauro Alzini - Dirigente Nuovo PSI della Lombardia - ed abbiamo sempre dato fiducia all'operato del nostro Presidente Caldoro, ma oggi considerando i cambiamenti dello scenario politico nazionale ed in particolare nel centro destra, è necessario che il Nuovo PSI ridefinisca la sua linea politica, in un congresso da tenersi prima della primavera del Siamo stanchi di partecipare a riunioni di partito nelle quali le uniche urgenze sono i cambiamenti di statuto - rincara la dose Rita Roncella segretaria Regionale dell'Umbria - stufi di restare congelati nel limbo, in attesa che qualcuno decida il nostro futuro.Siamo pronti a rimboccarci le maniche - conclude Laura Schianchi - a ridare corpo e sostegno al Nuovo PSI, ma solo ed esclusivamente se le ambiguità oggi presenti verranno immediatamente rimosse e si dia corpo ad una nuova visione politica, più vicina ai cittadini ed alle imprese, e meno ai palazzi della burocrazia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento