Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Violenza sulle donne, Pd in campo al Quartiere Militare Borbonico

Casagiove - Le donne di tutta la Provincia di Caserta hanno dato vita ad un evento che per intensità, qualità dei contenuti, autorevolezza dei relatori e grande partecipazione merita i connotati dell'eccezionalità. Nella splendida cornice del...

074436_scarpe_rosse_violenza_donne

Le donne di tutta la Provincia di Caserta hanno dato vita ad un evento che per intensità, qualità dei contenuti, autorevolezza dei relatori e grande partecipazione merita i connotati dell'eccezionalità. Nella splendida cornice del Cortile del Quartiere Militare Borbonico di Casagiove ci si è confrontati sul tema di drammatica attualità che è la violenza perpetrata sulle donne.
La serata aperta con una performance dell'attrice Carmen Mennella, di Officina Teatro Casertano, che ha recitato, dalla Corale dei nomi propri, e lo ha fatto magistralmente emozionando profondamente i partecipanti, il brano ." Franca, lavoratrice incinta e a rischio di licenziamento".
L'introduzione, affidata a Carlo Comes, coordinatore cittadino, ha reso, con un confronto serrato di dati reali, intero il senso della drammaticità del problema aperto e della necessità di inoculare in una società carica di connotati di violenza i germi del rispetto e accentuare l'impegno per eradicare le ragioni sociali e culturali su cui il fenomeno fonda: "Questa è una manifestazione, ha concluso Comes, centrata sul contrasto alla violenza sulle donne, alla rimozione delle ragioni che la generano, ma, qui, son certo, tutti noi, abbiamo la consapevolezza della necessità di lottare la violenza che nel mondo intero si accompagna alla povertà, allo sfruttamento, al razzismo, al disconoscimento della dignità, al potere che opprime le libertà, ai rapinatori del mondo della finanza, all'ingiustizia, alle mafie, alla discriminazione per motivi religiosi e politici, alle guerre. Noi siamo, qui, stasera, insieme, a testimoniare la nostra voglia di lavorare insieme per contribuire a costruire un mondo con meno ricchi e meno poveri, molta pace e nessuna guerra, molto amore e nessuna violenza."
Rosida Baia, coordinatrice prov.le donne PD, ha sottolineto il lavoro svolto dalle donne in Terra di Lavoro e ha rilanciato gli obiettivi di lotta che attengono al contrasto alla violenza, ma anche al rispetto delle pari opportunità nei confronti delle quali rimangono diffuse e gravi chiusure.

Khalid Chaouki, deputato al Parlamento e giornalista, ha illustrato i contenuti della convenzione di Istanbul e l'impegno del PD perché essi trovino applicazione nella legislazione e sostegno concreto nella fase di realizzazione.Suor Rita Giaretta, animatrice di Casa Rut, ha portato la diretta testimonianza di chi in prima linea combatte il fenomeno della tratta delle donne. Con la passione che la contraddistingue ha rivendicato la riconsegna della dignità e della libertà a donne schiavizzate e ha indicato, senza se e senza ma, nella massa di clienti della prostituzione la causa su cui si fonda la tratta.La psicologa, Lella Palladino, presidente della Coop EVA ha raccontato le esperienze dei centri antiviolenza, delle difficoltà di garantire alle donne vittime la sicurezza con una legislazione inadeguata e un altrettanto inadeguato reticolo assistenziale informativo.La Prof. Adele Grassito, vice presidente di Spazio Donna, che ha operato e opera anche3 sul tessuto sociale della città, ha informato sul lavoro svolto, sull'entità del fenomeno, sull'esigenza di un'attenzione crescente alla costruzione dei luoghi ove costruire sicurezza, assistenza e formazione alle donne vittime.
La sen. Rosaria Capacchione, chiudendo gli interventi programmati, ha illustrato il contenuto del disegno di legge per la promozione della soggettività femminile e per il contrasto al femminicidio e ha garantito il suo impegno parlamentare per accelerare la sua approvazione.Tra gli interventi: il dott. Antonio Russo, chirurgo senologo, presidente dell'associazione ANIEP cittadina, presente anche con la presidente provinciale e Adele Di Gioia, ha portato la sua esperienza di medico posto di fronte alle risultanze disumane della violenza sulle donne.La manifestazione si è conclusa con la proiezione di un filmato sui temi della pace prodotto e commentato ai presenti da Agnese Ginocchio, cantautrice, testimone di pace e di non violenza e con l'impegno di tutti a costruire e realizzare, con spirito unitario, progetti da realizzare nelle scuole al fine di educare al rispetto e alla solidarietà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, Pd in campo al Quartiere Militare Borbonico

CasertaNews è in caricamento