Politica

Omicidio passionale del 1992: ergastolo per il boss dei Casalesi Francesco Bidognetti

Santa Maria Capua Vetere - Condanna all'ergastolo per omicidio inflitta al boss dei Casalesi Francesco Bidognetti, alias Cicciotto 'e Mezzanotte, e l'esponente di spicco del clan Armando Letizia. 14 anni ai collaboratori di giustizia Domenico...

073700_Il-giudice-sentenza-in-tribunale

Condanna all'ergastolo per omicidio inflitta al boss dei Casalesi Francesco Bidognetti, alias Cicciotto 'e Mezzanotte, e l'esponente di spicco del clan Armando Letizia. 14 anni ai collaboratori di giustizia Domenico Bidognetti e Francesco Cantone. La vicenda riguarda l'assassinio per vendetta passionale di Benito Corvino, avvenuto a Marcianise (Caserta) il 25 giugno 1992 e all'epoca erroneamente attribuito alla guerra di camorra in corso tra i gruppi Belforte e Piccolo. Le indagini, condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, hanno permesso di accertare come il delitto non avesse alcuna matrice camorristica, ma fosse stato deciso dai vertici del clan perché Armando Letizia voleva vendicarsi della morte del fratello Ferdinando, ucciso a Santa Maria Capua Vetere nell'aprile 1970 dalla moglie Olga Caterino, a causa di una relazione extraconiugale intrattenuta dall'uomo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio passionale del 1992: ergastolo per il boss dei Casalesi Francesco Bidognetti

CasertaNews è in caricamento