Politica

Precari della sanita', Polverino sollecita la Regione

Caserta - "La comunicazione del presidente della Regione Caldoro con cui, dopo l'enorme lavoro di risanamento, si dà il via libera a 384 assunzioni di medici e infermieri nelle Asl e negli ospedali della Campania impone un confronto chiaro ed...

"La comunicazione del presidente della Regione Caldoro con cui, dopo l'enorme lavoro di risanamento, si dà il via libera a 384 assunzioni di medici e infermieri nelle Asl e negli ospedali della Campania impone un confronto chiaro ed immediato interno alla maggioranza di centrodestra in ordine alla necessità di salvaguardare in primo luogo i precari della sanità".Lo afferma il consigliere regionale e coordinatore vicario del Pdl provinciale di Caserta, Angelo Polverino, che aggiunge: "Le strutture casertane sono al momento quelle più penalizzate in Campania, considerando il rapporto tra personale disponibile e servizi erogati, e la sanità pubblica sarebbe già collassata a Caserta e provincia se non ci fosse stato il sacrificio della classe medica e paramedica ma soprattutto di moltissimi precari che attendono da anni che venga regolarizzato il loro rapporto di lavoro. Ebbene i nuovi concorsi devono tener conto, come del resto si sta cercando di fare a livello nazionale, dei diritti acquisiti e delle posizioni pregresse di medici e paramedici che lavorano spesso molto più di quanto dovrebbero ed hanno diritto ad avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Inoltre riservare solo 32 assunzioni all'Asl di Caserta, 8 all'ospedale di Caserta "S.Anna e S. Sebastiano" e 8 al "Moscati" di Aversa significa non tener conto nemmeno nel reale turn over che si è verificato negli ultimi anni. Su questi temi chiederemo e pretenderemo precise risposte dal presidente della Regione Stefano Caldoro in quanto è giunta l'ora che la Regione Campania dia segnali concreti di attenzione alle esigenza del territorio di Caserta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari della sanita', Polverino sollecita la Regione

CasertaNews è in caricamento