menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
071754_Lombardo_G

071754_Lombardo_G

Terra dei Fuochi: Fratelli dItalia chiama a raccolta i sindaci dellAlto Casertano

Caserta - La Costituente provinciale di Caserta di Fratelli d'Italia si appella ai sindaci dell'Alto Casertano per difendere e promuovere i prodotti di un'area non contaminata, che subisce la "psicosi" derivante da informazioni fuorvianti che...

La Costituente provinciale di Caserta di Fratelli d'Italia si appella ai sindaci dell'Alto Casertano per difendere e promuovere i prodotti di un'area non contaminata, che subisce la "psicosi" derivante da informazioni fuorvianti che, generalizzando, estendono l'area della "Terra dei Fuochi" all'intera provincia casertana.I sindaci del territorio a nord di Caserta hanno così ricevuto in queste ore una lettera, stilata dal partito provinciale di Giorgia Meloni, con cui si chiede di aderire ad un protocollo di 11 punti, che mira a proteggere e difendere i prodotti dell'Alto Casertano attraverso la tracciabilità con marchio DOAG ed il monitoraggio attento del territorio."Non è nostra intenzione creare una lista di 'buoni e cattivi' - ha dichiarato Maria Rosa Lombardo, membro della Costituente provinciale di Fratelli d'Italia e referente per l'Alto Casertano, promotrice con il portavoce provinciale del partito Gimmi Cangiano dell'iniziativa - Il nostro intento non è quello di rimarcare le differenze ma, al contrario, di creare una sinergia tra i Comuni per incentivare un percorso virtuoso che difenda i prodotti sani e contrasti l'immagine negativa dell'intero territorio casertano, affinché tutti possiamo avvalerci della ricaduta benefica di un processo serio di controllo e difesa dei nostri prodotti agricoli".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento