menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, Pd: solo piani non attuabili e proclami, ora soluzioni

Napoli - "Purtroppo siamo stati facili profeti. Piani non attuabili e proclami non hanno scongiurato il rischio dell'avvio della procedura di infrazione e delle relative sanzioni da parte della Ue". A dichiararlo in una nota congiunta sono il...

"Purtroppo siamo stati facili profeti. Piani non attuabili e proclami non hanno scongiurato il rischio dell'avvio della procedura di infrazione e delle relative sanzioni da parte della Ue". A dichiararlo in una nota congiunta sono il segretario regionale del Pd Campania, Enzo Amendola, e il capogruppo Pd al Consiglio regionale, Raffaele Topo.
"Fino a ieri l'assessore regionale all'ambiente, Giovanni Romano, e il presidente Stefano Caldoro, alle nostre richieste di chiarimento - che da anni avanziamo preoccupati - hanno sempre risposto che non c'erano problemi e che tutto era in ordine, arrivando anche a 'bacchettarci'", spiegano.
"Invece in tre anni, come ci ammonisce l'Europa, non ci sono stati segnali né dalla Regione né da parte degli enti locali più importanti. Non a caso il Pd - aggiungono - votò contro il Piano regionale perché ritenevamo che non c'erano le condizioni politiche e amministrative per attuarlo. E infatti nessun impianto previsto dal piano è stato realizzato. Ad esempio il termovalorizzatore di Napoli è stato fortemente osteggiato dal Comune"."In compenso in molte città sono state fatte solo chiacchiere - continuano Topo e Amendola - come a Napoli dove l'annuncio in pompa magna della campagna rifiuti zero e dell'aumento considerevole della raccolta differenziata è rimasto solo sulla carta. Ora il conto salatissimo lo pagheranno la Regione e soprattutto i cittadini", aggiungono.

"Concordiamo con il ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando, sulla necessità di soluzioni rapide e concrete" affermano Topo e Amendola.
"Innanzitutto occorre rivedere il Piano per le parti non attuabili, riorganizzare il sistema di raccolta attuando la legge 11 del 2013. Infine - concludono - è singolare che l'Unione Europea sanzioni l'Italia e la Campania mentre da noi non si applica nessuna sanzione, per esempio a chi non ha raggiunto la quota prevista per la raccolta differenziata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento