Politica

Rivoluzione Civile, assemblea provinciale alla Sun

Caserta - Mercoledì 9 Gennaio si è tenuta a Caserta l'assemblea provinciale "verso la lista di Rivoluzione Civile", organizzata dal movimento Cambiare si può.La partecipazione è stata larga e ha visto l'adesione di singoli cittadini ma anche di...

Mercoledì 9 Gennaio si è tenuta a Caserta l'assemblea provinciale "verso la lista di Rivoluzione Civile", organizzata dal movimento Cambiare si può.La partecipazione è stata larga e ha visto l'adesione di singoli cittadini ma anche di molte realtà associative ed organizzate, spalmate su tutta la provincia di Caserta: erano presenti volontari, attivisti, simpatizzanti e rappresentanti delle organizzazioni Speranza Provinciale, Unione Mediterranea, Altragricoltura, Alba, Verdi, Rifondazione Comunista, Io sto con Ingroia, L'Altra Università, Movimenti locali in fase di costituzione e singoli Cittadini aderenti al Manifesto di Rivoluzione civile.I rappresentanti dei movimenti, insieme ad alcuni cittadini, hanno formato il tavolo di presidenza, che rimane aperto a tutte le altre realtà che aderiranno nel corso del tempo. Eliana Riva e Norma Naim sono state elette portavoce dell'assemblea.

All'interno dell'Aula Magna del Dipartimento di Matematica e Fisica della Seconda Università degli Studi di Napoli, dinanzi ai circa 200 presenti, si sono susseguiti interventi liberi, nell'ottica della crescita e della condivisione degli obiettivi e dei metodi per raggiungerli. Si sono registrati diversi punti in comune: in particolare la necessità, ribadita in tutti gli interventi, di costruire una piattaforma politica e programmatica territoriale e di fare di questa "occasione" elettorale una opportunità per provare a costruire una sintesi tra le esigenze di rinnovamento dei partiti e della politica e la necessità di una maggiore efficacia dell'azione dei movimenti e della società civile. Il lavoro della presidenza e dei portavoce non si fermerà al momento elettorale, ma continuerà nei mesi a venire, unendo le forze per sostenere le numerose battaglie territoriali già in corso e quelle che verranno. Proprio per questo obiettivo, prioritaria sarà la redazione di un'agenda completa, che rapporti i punti cardine del programma di Antonio Ingroia alle esigenze della provincia di Caserta, delle sue istituzioni, dell'ambiente e dei territori troppo spesso martoriati.
Al termine del dibattito è stata votata quasi all'unanimità, con un solo contrario e nessun astenuto, l'istituzione della "Conferenza permanente delle rappresentanze politiche e dell'impegno civile", organismo consultivo, a carattere inclusivo e paritario, composto dai portavoce dell'assemblea e da almeno un rappresentante per ogni realtà organizzata aderente e dai volontari non facenti parte di alcuna organizzazione. Le riunioni della conferenza permanente avranno sempre carattere aperto. Questo organismo avrà il ruolo di garantire un indirizzo unitario, territoriale e politico, supportando il lavoro dei portavoce nella applicazione delle decisioni assunte dall'assemblea. La conferenza permanente, inoltre, promuoverà assemblee territoriali nelle diverse zone in cui è articolata la provincia, che eleggeranno, con il medesimo metodo, i relativi portavoce. I portavoce provinciali e i diversi portavoce territoriali costituiranno, con la "Conferenza Permanente" il coordinamento provinciale, che sarà organismo delegato a cui le assemblee potranno conferire mandati e decisioni applicative.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione Civile, assemblea provinciale alla Sun

CasertaNews è in caricamento