Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Intercettazioni, Beppe Grillo e Di Pietro all'attacco di Monti

(Roma) "Rigor Montis ha due preoccupazioni. La prima è l'evasione fiscale, la seconda sono le intercettazioni. Sulla prima è avvilito per il "grosso danno nella percezione del Paese all'estero". Così Beppe Grillo sul suo blogo commenta le ultime...

(Roma) "Rigor Montis ha due preoccupazioni. La prima è l'evasione fiscale, la seconda sono le intercettazioni. Sulla prima è avvilito per il "grosso danno nella percezione del Paese all'estero". Così Beppe Grillo sul suo blogo commenta le ultime dichiarazioni del premier Mario Monti. "Mi immagino il sarcasmo, per non dire il vero e proprio disprezzo, quando il Non Eletto incontra i capi di Stato europei (gli Eletti). Gli rinfacceranno sicuramente lo Scudo Fiscale che ha premiato gli evasori totali, tra i quali anche criminali e tesorieri di partito, con un miserabile 5% di sanzione. Lo faranno blu per la nostra legge sul falso in bilancio, una vera barzelletta. Lo distruggeranno per la mancanza di lotta alla corruzione che ci costa circa 100 miliardi di euro. Lo investiranno di insulti per l'inesistenza di una legge sul conflitto di interessi. Povero Monti, come deve vergognarsi. Figure così a livello internazionale nemmeno Bokassa. I partner europei vorrebbero dargli "assistenza finanziaria", in sostanza comprare il debito pubblico italiano che cresce alla velocità della luce, ma l'evasione "contribuisce a indisporli" quando Monti si presenta con il piattino in mano. Rigor Montis ha perciò dichiarato "lo stato di guerra" agli evasori, "una dura lotta all'evasione che può comportare la necessità di momenti di visibilità che possono essere antipatici. Ma che hanno un forte effetto preventivo nei confronti degli altri cittadini". Non vedo l'ora!"
Anche Di Pietro fa sentire la propria voce sulla vicenda: "Questo governo, che sta in piedi solo perché Berlusconi glielo permette, si prepara a fare quel che Berlusconi non era mai riuscito a fare: una legge contro le intercettazioni. Imbavaglierà la stampa, toglierà alla magistratura l'arma principale per combattere la corruzione, terrà i cittadini all'oscuro sulle malefatte dei politici. Così saranno tutti contenti: occhio non vede, cuore non duole. Più felici e grati di tutti saranno i corrotti e i mafiosi. Non avranno più niente da temere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intercettazioni, Beppe Grillo e Di Pietro all'attacco di Monti

CasertaNews è in caricamento