Politica

Approvato Bilancio consuntivo dellesercizio 2012

Alife - La maggioranza consiliare di Alife, guidata dal Sindaco Giuseppe Avecone, ha provveduto ad approvare, nella seduta di Consiglio comunale convocata in sessione ordinaria per ieri sera alle ore 19,30, il Bilancio consuntivo dell'esercizio...

053841_Consiglio

La maggioranza consiliare di Alife, guidata dal Sindaco Giuseppe Avecone, ha provveduto ad approvare, nella seduta di Consiglio comunale convocata in sessione ordinaria per ieri sera alle ore 19,30, il Bilancio consuntivo dell'esercizio 2012. Lo stesso documento ha chiuso con un risultato positivo di gestione di competenza di ? 336.214,25; con un risultato positivo di gestione dei residui di ? 29.318,30; con un risultato di amministrazione esercizio precedente negativo di ? 691.027,78 e con un disavanzo di amministrazione totale pari ad ? 330.854,74. Rispetto al precedente esercizio il disavanzo è diminuito di ? 360.173,04. L'approvazione del rendiconto 2012, licenziato con i voti della sola maggioranza (l'opposizione consiliare era assente), è stata preceduta dalle dichiarazioni del Sindaco: "Il Sindaco e l'intero gruppo di maggioranza, premesso che la relazione illustrativa di cui al comma 6 dell'art.152 del TUEL, unitamente allo schema di rendiconto dell'esercizio 2012, è stata approvata in data 30 aprile 2013 dalla Giunta comunale ed in pari data la documentazione è stata depositata all'ufficio segreteria, dandone avviso ai consiglieri comunali ed al revisore dei conti; che tale slittamento da parte della Giunta e degli uffici è stata dovuta al fatto che la chiusura del rendiconto necessitava dei dati definitivi del gettito dell'Imu 2012, infatti, dopo l'accertamento convenzionale (stime dell'Economia del 15 ottobre) e quindi del Fondo sperimentale di riequilibrio, ora fondo di solidarietà, nonostante la norma preveda che «a seguito della verifica del gettito dell'imposta municipale propria dell'anno 2012, da effettuare entro il mese di febbraio 2013, si provvede all'eventuale conseguente regolazione dei rapporti finanziari tra lo Stato e i Comuni, nell'ambito delle dotazioni del fondo sperimentale di riequilibrio e dei trasferimenti erariali» (articolo 9, comma 6 bis del d.l. 174/2012) gli stessi sono stati comunicati con ritardo; che tale criticità è stata evidenziata anche dall'ANCI che ha richiesto, considerato l'approssimarsi della scadenza prevista per l'approvazione del rendiconto, ai ministeri dell'Economia e dell'Interno il differimento dei termini per l'approvazione del rendiconto 2012; che l'incertezza dei dati Imu 2012 ha reso difficile anche la certificazione dei risultati finali del Patto per il 2012, che deve essere sottoscritta dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio finanziario e dall'organo di revisione, e spedita al ministero dell'Economia entro il termine perentorio del 31 marzo; che per le operazioni del rendiconto 2012 è stato introdotto l'obbligo della verifica dei debiti e i crediti delle società verso gli enti controllanti, che dovranno trovare corrispondenza nei residui attivi e passivi risultanti dal bilancio del Comune o della Provincia alla stessa data. Adempimento reso molto complesso dalla notoria ed annosa condizione di difficoltà economico - finanziaria in cui versano i consorzi pubblici della Provincia di Caserta; che dal rendiconto 2012 trovano applicazione i nuovi parametri per l'individuazione degli enti locali strutturalmente deficitari, aggiornati con decreto del ministero dell'Interno del 22 febbraio scorso; che la necessaria verifica dei residui attivi e passivi degli anni precedenti ha assunto i caratteri dell'eccezionalità ove si consideri che questa nuova Amministrazione, insediatasi nel maggio 2011, è stata chiamata ad approvare in soli due anni, i rendiconti relativi agli esercizi 2009, 2010 e 2011, atti non approvati dalle precedenti amministrazione durante gli esercizi di competenza; che il revisore, che per legge (art.239, comma 1, lettera d) TUEL) ha 20 giorni di tempo per depositare la propria relazione, ha depositato la stessa il giorno 13 maggio; che il Consiglio di Stato con parere 01960/2012 del 23/04/2012, chiamato a pronunciarsi sul Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica proposto dall'Avv. G. P. per l'annullamento della deliberazione del consiglio comunale di xxxx n. 14 del 15 luglio 2009 avente ad oggetto "approvazione rendiconto di gestione esercizio finanziario 2008", ha ritenuto meritevole di accoglimento il ricorso straordinario proposto da un Consigliere comunale contro la delibera consiliare di approvazione del rendiconto di gestione dell'esercizio finanziario, sotto il profilo della violazione degli artt. 227 e 239, D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267, sub specie carenza della disponibilità della relazione del revisore almeno 20 giorni prima della seduta di approvazione del bilancio; che anche il Ministero, nella propria relazione al Consiglio di Stato, ha ritenuto il ricorso fondato per il mancato rispetto dei termini di deposito dello schema di rendiconto; che alla luce di quanto sin qui esposto emerge che per poter correttamente deliberare in merito all'approvazione del predetto rendiconto la prima data utile, per rendere disponibile nei venti giorni precedenti la relazione del revisore, risulta essere quella odierna del 4 giugno; che l'art. ll dello Statuto prevede che il Consiglio deve essere convocato "in sessione ordinaria quando all'ordine del giorno vi è l'approvazione del rendiconto di gestione, con avvisi da notificare almeno 5 giorni interi prima del giorno stabilito per l'adunanza. Dal computo dei giorni sono esclusi i festivi e quelli di chiusura degli uffici"; che tale termine è ribadito dal regolamento sul consiglio comunale, il quale all'art.27, comma 3, precisa che i cinque giorni devono essere liberi; che in data 6 maggio è pervenuta la diffida del Prefetto, notificata ai consiglieri in data 8 maggio, che concedeva il termine di 20 giorni per l'adozione della delibera consiliare, termine coincidente con la data del 28 maggio; che la predetta diffida, fa salve le diverse previsioni statutarie del comune ed ovviamente le vigenti norme di legge; che il termine per l'approvazione fissato dal Prefetto, dunque non si sarebbe potuto in ogni caso rispettare, stando ai dettami della legge, dello statuto e del regolamento comunale che disciplina il funzionamento del consiglio; che al solo fine di ottemperare alla diffida prefettizia, rispettando dunque il termine del 28 maggio (termine di scadenza della diffida), gli uffici hanno predisposto gli atti di convocazione del consiglio comunale per il giorno 27 maggio in sessione straordinaria, per la quale lo statuto ed il regolamento prevedono soltanto tre giorni di preavviso ai consiglieri comunali, consapevoli della diversa statuizione delle norme statutarie e regolamentari inerenti la convocazione del consiglio e della previsione dell'art.227 del Tuel 267/2000 inerente i tempi del deposito della relazione del revisore; che si confidava nel senso di responsabilità e di leale collaborazione dei consiglieri di opposizione, auspicando il prevalere di una democrazia sostanziale piuttosto che formale nella gestione di un momento fondamentale nell'amministrazione della collettività alifana; che tale aspettativa è stata, tuttavia, mal riposta in quanto nel giorno stesso di convocazione del consiglio, 27 maggio, i consiglieri della minoranza facevano pervenire in Comune una nota con cui richiedevano il rinvio del Consiglio a causa di una irregolare convocazione (cioè: sessione straordinaria in luogo della ordinaria, e mancato rispetto del termine prescritto dall'art,227 per la messa a disposizione della relazione del revisore), facendo trapelare l'eventuale impugnativa della deliberazione adottata nonostante il vizio di convocazione; che alla luce dell'autorevole giurisprudenza sopra richiamata e di altre pronunce di merito, sul rispetto dei termini statutari e regolamentari di convocazione, valutati i rilievi dei consiglieri di minoranza e ritenuto concreto il rischio della impugnativa della deliberazione eventualmente adottata, con conseguente eventuale suo annullamento, nonché preso atto che nella diffida prefettizia si facevano comunque salve diverse previsione statutarie, anche nel rispetto della minoranza, per consentire ad essa la più ampia partecipazione all'approvazione di un atto fondamentale dell'ente, il Consiglio comunale all'unanimità ha deciso, con la deliberazione n.l0 del 27 maggio 2013, di rinviare ad altra data la seduta per l'approvazione del rendiconto; che il convincimento della correttezza dell'operato dell'amministrazione è stato avvalorato da numerosi confronti telefonici con autorevoli esponenti del foro amministrativo napoletano e con funzionari della Prefettura di Caserta; che il giorno successivo, 28 maggio, si è provveduto a disporre la nuova convocazione del consiglio comunale per il giorno 4 giugno 2013, nel rispetto di tutte le norme sopra richiamate, ed a darne comunicazione al Prefetto con nota prot. 5700; che con successiva nota Prot. N. 5833 del 30/05/2013 si evidenziavano al Prefetto di Caserta i fatti sin qui esposti al fine di dare piena contezza delle ragioni tecniche che avevano indotto alla non approvazione già in data 27 maggio del rendiconto 2012; che nonostante le predette note ed i colloqui intercorsi con S.E. il Prefetto di Caserta, lo stesso con decreto Prot. N. 22075-1 Area II (EE. LL.) del 31/05/2013 nominava il commissario ad acta per l'approvazione del rendiconto 2012; considerato che a giudizio del sottoscritto e degli uffici, dalla data di deposito della relazione del revisore e degli atti del consuntivo, sia stato dato ai consiglieri comunali un ampio e sicuramente sufficiente tempo per visionare gli atti e la documentazione relativa al rendiconto, senza ledere le loro prerogative; che l'affidamento sullo spirito di leale collaborazione con i consiglieri di minoranza è stato assolutamente mal riposto, avendo gli stessi strumentalizzato aspetti procedurali per avviare una campagna diffamatoria nei confronti del sottoscritto e dell'intero gruppo di maggioranza; che l'astio politico ha prevalso sull'interesse della collettività alifana e sulla volontà democraticamente manifestata dalla stessa nelle urne, preferendo una dialettica di tipo formalistico ad una di tipo sostanziale, non apprezzando, pertanto, l'apertura di credito fatta a questa minoranza dal sottoscritto e dal gruppo di maggioranza; che sulla stampa è stato sbandierato in modo diffamatorio e meschino che il differimento del termine di approvazione del rendiconto 2012 è stato generato dalla "mancanza dei numeri per approvarlo" da parte di questa maggioranza, tacendo sulla condotta vile che da un lato reclamava più tempo per l'esame della documentazione contabile e dall'altro intimava al Prefetto lo scioglimento per mancato rispetto dei termini; che l'unica proposta formulata dalla minoranza per risolvere i problemi della collettività alifana è il ricorso al dissesto, che da estrema ratio viene proposto come panacea di tutti i mali nascondendo le ricadute soprattutto in termini di aumento della pressione fiscale che dallo stesso scaturirebbe in capo agli alifani;
ritenuto doveroso per il sottoscritto dimostrare alla collettività alifana ed alle autorità competenti che l'unica ragione per il differimento della adunanza consiliare è stata quella di voler affermare, così come in altre circostanze, il rispetto della legalità e dei termini previsti dallo Statuto e dai regolamenti dell'ente;
rilevato inoltre che l'approvazione del conto consuntivo del 2012 che questo consesso stasera potrebbe deliberare, date le attuali circostanze, assume un valore che travalica il mero adempimento economico-finanziario rappresentando in realtà, l'argomento in cui si esprime e si consolida questa maggioranza, a dimostrazione che il democratico governo del comune non deve essere interrotto e mortificato da un incidente procedurale. E' peraltro ormai nota a tutti la circostanza che gli uffici avevano depositato gli atti sul consuntivo entro tempi palesemente utili ai consiglieri, malgrado una convocazione del Consiglio emanata in linea straordinaria invece che ordinaria, al solo fine di rispettare i termini della diffida prefettizia. Inoltre, nel pieno rispetto dell'azione politica della minoranza che faceva pervenire con nota Prot. N. 5643 del 27/05/2013 una richiesta di rinvio del Consiglio per il mancato rispetto dei termini previsti dal regolamento e statuto comunale, oltre che del mancato rispetto dei termini del deposito della relazione del revisore dei conti (art. 227 tuel), il gruppo di maggioranza, udito anche collegialmente il parere del funzionario prefettizio preposto ai rapporti con gli Enti locali, apriva la seduta di consiglio comunale del 27/05 votando all'unanimità il rinvio del consiglio comunale. Subitaneamente (nella fattispecie il giorno dopo) si emanava nuova convocazione (ordinaria) del consiglio alla seduta odierna.
Queste sono le motivazioni per cui il consiglio non ha proceduto a celebrare la seduta programmata per l'approvazione del consuntivo, dovendosi quindi escludere sia un'inerzia dell'Ente, sia una volontà contraria all'approvazione, sia una mancanza di coesione della maggioranza consiliare.
Non è dunque lecito che oggi, giocandosi sul filo del rasoio di un termine che si assume non rispettato in regime di ore, si crei il presupposto per la sanzione più grave che può colpire un'amministrazione comunale, e cioè lo scioglimento del proprio consiglio.
Ritengo mio fondamentale dovere dimostrare invece che esistono i presupposti amministrativi e politici per chiudere il procedimento legato all'approvazione del consuntivo e andare avanti con gli organi ordinari dell'ente.
Diversamente la sconfitta conseguente a un ingiusto e antigiuridico scioglimento, di cui non esistono i sostanziali presupposti che l'ordinamento esige, sarebbe tanto più grave e pungente da non consentirmi di camminare a testa alta tra i miei concittadini.
Pertanto, alla luce di quanto sopra esposto, nell'appellarsi alla comprensione dei motivi di legittimità formale che hanno indotto lo scrivente a prorogare la data di convocazione del consiglio, chiede di porre in votazione la proposta di procedere all'esame e all'approvazione del Rendiconto della gestione dell'esercizio finanziario anno 2012. All'esito di tale votazione, si chiede altresì di votare in ordine all'opposizione alla nomina del commissario ad acta effettuata dal Prefetto, demandando al Sindaco ed alla giunta comunale per gli adempimenti conseguenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato Bilancio consuntivo dellesercizio 2012

CasertaNews è in caricamento