rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Meteo

“Mezzo milione di danni per il maltempo”. Dopo la tromba d’aria torna il caldo

Agricoltori in ginocchio: colpiti camp di mais, tabacco, uliveti e vigneti

Torna il sereno dopo la tempesta in provincia di Caserta. Sono state ore di grande apprensione quelle vissute tra la serata di giovedì e la mattinata di venerdì in seguito alla forte grandinata che si è abbattuta sull’alto casertano e poi sulla tromba d’aria che ha colpito il resto della provincia, abbattendo alberi, tabelloni pubblicitari ed impalcature.

Le previsioni meteo

Nelle prossime ore, però, la situazione climatica è destinata a migliorare, come spiega il meteorologo Gaetano Genovese di 3bmeteo.com. “Dopo il passaggio del fronte freddo durante la notte di venerdì, un graduale aumento della pressione atmosferica, favorirà il ritorno del sole con temperature più gradevoli e caldo meno opprimente. Nello specifico, sulla città di Caserta, il sole sarà l’assoluto protagonista delle vicende meteorologiche sia durante la giornata di sabato che quella di domenica. Le temperature saranno stazionarie o in lieve aumento; Valori minimi tra 20°C e 21°C, massime non oltre i 32°C. La prossima settimana vedrà il consolidarsi dell’anticiclone in sede Mediterranea, pertanto le condizioni meteorologiche saranno votate al tempo stabile e soleggiato con temperature in graduale aumento con picchi massimi fino 33°-34°C tra mercoledì e giovedì”.

La conta dei danni

C’è chi però è alle prese con la conta dei danni causati dal maltempo. Una stima di Coldiretti Caserta parla di “almeno mezzo milione di euro di danni ad oltre cento ettari di terreno”. Tra le colture principalmente colpite si riscontrano frutteti, uliveti, vigneti e soprattutto campi di mais e di tabacco. “Danni che si sommano a danni, come nel caso del mais destinato agli allevamenti, già coltivato a costi triplicati per l’aumento dell’energia e dei concimi. Gli allevatori colpiti saranno infatti costretti ad acquistare il foraggio, dopo aver visto i propri investimenti distrutti in una notte”. “Siamo ancora una volta alle prese con gli effetti devastanti dei cambiamenti climatici – commenta Giuseppe Miselli, direttore di Coldiretti Caserta – che costringono agricoltori e allevatori a fare i conti con fenomeni estremi, dal caldo siccitoso alle bombe d’acqua. Ogni anno il fenomeno torna puntale e bisogna attrezzarsi per affrontarlo. Per questa ragione Coldiretti chiede da anni un forte sostegno alle assicurazioni agricole, in modo da consentire di reggere a disgrazie improvvise”.

Grandinata Caserta 7 luglio 2022

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mezzo milione di danni per il maltempo”. Dopo la tromba d’aria torna il caldo

CasertaNews è in caricamento