rotate-mobile
Meteo

Dalla grandinata alla tromba d’aria: il 'pazzo meteo' fa paura (e danni)

Alberi caduti, finestre rotte, cantieri volati via. E nelle campagne si contano i danni

Prima la grandinata che ha colpito il Matese e l’alto casertano giovedì sera. Poi, nella notte, tuoni, fulmini, vento e pioggia su tutta la provincia.

I casertani si sono svegliati sotto un nubifragio. Attorno alle 4 di questa mattina (8 luglio) Caserta e i comuni limitrofi sono stati colpiti da un violento temporale.

Tanti cittadini sono stati svegliati da finestre e porte di casa che sbattevano a causa del forte vento. Chi era andato a dormire soffrendo il caldo si è dovuto letteralmente chiudere in casa. Chi si è affacciato alle finestre ha 'ammirato' una tromba d’aria.

L'allerta meteo diramata giovedì dalla Protezione civile è stata rispettata. Momenti di paura per i più piccoli, anch'essi svegliati di soprassalto. Dopo quasi un'ora il temporale si è calmato lasciando un po' di fresco ai casertani.

Purtroppo è iniziata anche la conta dei danni. C’è chi ha dovuto fare la conta dei danni tra finestre rotte e tendoni strappati; ci sono anche alberi caduti in strada e recinzioni dei cantieri volati via. E nelle campagne si contano i danni per la grandinata di giovedì sera: coltivazioni perse per gli agricoltori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla grandinata alla tromba d’aria: il 'pazzo meteo' fa paura (e danni)

CasertaNews è in caricamento