La borsa di studio in ricordo di Alessandro Petteruti va a Guido Ascione

Il premio di 5mila euro consegnato al medico chirurgo specializzando in Cardiochirurgia

Guido Ascione riceve la borsa di studio 'Alessandro Petteruti'

Consegnata a Guido Ascione, medico chirurgo specializzando in Cardiochirurgia, la prima borsa di studio di 5mila euro messa a disposizione dall’associazione Alessandro Petteruti per giovani specializzandi del 2° e 3° anno di Medicina e Chirurgia, iscritti all’Ordine dei medici di Caserta. "Con l’assegnazione della borsa di studio al medico casertano Guido Ascione – afferma Nicodemo Petteruti, presidente dell’associazione, papà del compianto Alessandro - si conclude la prima annualità dell'associazione Alessandro Petteruti, presentata alla città l'11 gennaio 2020. L'obiettivo, patrocinato dall'Ordine dei medici di Caserta, è premiare impegno e progresso negli studi di medicina, consonante con le frontiere di efficienza e competenza imposte dalla pandemia. Occasione di rilancio civico e intellettuale di una città che langue nelle paludi della politica e di esempio ai giovani perché sentano che anche in casa loro si riconosce il valore dell'impegno e delle conquiste negli studi. L'auspicio è che questo esempio ne stimoli altri simili e che l'impegno civile ed intellettuale, che ora cerca sfoghi in terre lontane, possa rifiorire in città con i migliori giovani, per un Rinascimento civile".

guido ascione borsa studio alessandro petteruti1-2

La commissione giudicante era composta dalla presidente dell’Ordine dei Medici Erminia Bottiglieri, e da Vincenzo Madonna, Vito Manni, Ernesto Petteruti, Giovanni Zanforlino. L’associazione Alessandro Petteruti, nata nel luglio dello scorso anno, ha come obiettivo primario sostenere il percorso formativo di giovani specializzandi nelle diverse discipline di Medicina e Chirurgia per ricordare Alessandro Petteruti, giovane e valente ortopedico casertano, morto il 19 dicembre del 2018 in un tragico incidente in Germania mentre si recava a Monaco, con altri due colleghi, per prendere parte ad un congresso medico. Morì con lui anche Luca Di Donato. "Un sentito grazie all’associazione – dichiara Guido Ascione - per avermi scelto come vincitore della prima edizione della borsa di studio intitolata ad Alessandro. Spero di saper essere all’altezza di questa attestazione di stima, praticando la professione medica con umanità, spirito di progresso e solidarietà, come Alessandro ha sempre fatto. Mi auguro che questa opportunità rappresenti per me (e per i futuri vincitori) l’inizio di un proficuo percorso di crescita personale, che possa nel lungo termine formare professionisti pronti a ridare lustro alla nostra martoriata Terra di Lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un curriculum di altissimo profilo quello di Ascione. Laureatosi con lode all’Università degli Studi di Padova, con tesi di laurea su “Sviluppo di un cuore bioingegnerizzato totale: valutazione della citocompatibilità” svolta presso il gruppo di Medicina Rigenerativa Cardiovascolare del prof Gerosa al Venetian Institute of Molecular Medicine, a Padova, dal 2018 è nella Scuola di Specializzazione in Cardiochirurgia Università Vita-Salute San Raffaele; da marzo 2017 ad aprile 2017 durante la laurea è stato al Cardiac surgery NewYork-Presbyterian / Columbia University Medical Center, negli Stati Uniti ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione medica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Liceo Manzoni adotta il Palazzo Paternò e vince il concorso nazionale

  • Il Liceo Fermi sfiora il podio al 'Mad for Science': vinti 10mila euro

  • Arcuri brucia i tempi, finalmente arrivano i primi banchi

  • Scuole chiuse per l'emergenza Covid, attivata la didattica a distanza

  • L'appello disperato di 67 prof precari: "Abbiamo bisogno di lavorare"

  • Le lezioni proseguono a distanza: "Al Villaggio dei Ragazzi siamo pronti ad ogni evenienza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento