"La violenza di genere", studenti del Giordani a confronto online

Il convegno sul progetto "Cambia-Menti" ideato in collaborazione con l'associazione "L'Isola di Arturo" Onlus

La preside Antonella Serpico

Si é svolto lunedì 8 marzo, in modalità remota, l'evento intitolato "La violenza di genere", un progetto ideato da un gruppo di studenti dell'ITI-LS "Francesco Giordani" di Caserta insieme alla prof Gallicola, con la collaborazione dell'associazione "L'Isola di Arturo" Onlus.

Il progetto "Cambia-Menti" nato all'inizio dell'anno scolastico ha portato alla creazione di un gruppo dove gli studenti hanno maturato un'esperienza unica che li ha portati a scendere in campo per parlare alle nuove generazioni di una tematica molto importante come quella della violenza di genere, la quale ha avuto un'escalation in questo periodo di pandemia, con episodi di violenze che sono stati registrati quasi quotidianamente. Il nome del progetto non è stato scelto a caso, ma vuole indicare la volontà di questi giovani di poter essere realmente il punto di partenza per arginare il fenomeno del femminicidio e della violenza di genere.

"Lo scopo del nostro progetto è di sensibilizzare ed informare i nostri compagni sulla diffusione della violenza - affermano gli studenti - È nostro obiettivo fornire gli strumenti per riconoscere, prevenire e contrastare questo fenomeno e per promuovere il rispetto e la parità tra le persone. Il punto di partenza di questo nostro percorso è la conoscenza e la consapevolezza delle varie forme di violenza. Per questo abbiamo realizzato un questionario che sottoporremo ai nostri compagni di istituto e poi a studenti di altre scuole del nostro territorio. Riteniamo che, rispetto all' intervento degli adulti, questo tipo di approccio sia molto opportuno per stimolare l' interesse e la presa di coscienza del ruolo che ognuno di noi può assumere per la realizzazione di una società basata sul rispetto e sulla parità".

Grande soddisfazione da parte del dirigente scolastico Antonella Serpico che ha applaudito il lavoro dei ragazzi e ha sensibilizzato le nuove generazioni verso un cambiamento di rotta rispetto a ciò che succede nel mondo. Soddisfazioni che giungono anche dal presidente de "L'Isola di Arturo" il quale ha seguito con cura gli incontri svolti nel corso di questo anno scolastico. Ospiti dell'evento sono stati l'avvocato Raffaella Alois, la testimonianza di una madre di una vittima di violenza e infine dell'avvocato Giovanna Barca.

Gli interventi degli ospiti hanno suscitato grande attenzione e una forte sensibilità soprattutto ascoltando le parole della testimone che ha totalmente invitato i ragazzi a parlare e denunciare questi episodi di violenza prima che sia troppo tardi. Gli organizzatori infine hanno ringraziato gli ospiti e tutti coloro che hanno partecipato a questo importante evento ed hanno svelato di aver già in cantiere nuove tematiche da proporre ai propri coetanei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al liceo Diaz sanificatori in tutte le classi. Ma il preside lancia il nuovo allarme per le 'classi pollaio'

  • Si torna a scuola ma gli hacker paralizzano il registro elettronico

  • Tablet del ‘Giordani’ ai militari per controllare gli accessi al centro vaccinale

  • Torna in funzione lo scuolabus per gli studenti

  • La pallavolo si racconta agli studenti del liceo Manzoni

  • Covid e carceri, seminario online dell'Università Vanvitelli

Torna su
CasertaNews è in caricamento