Disagio giovanile e tossicodipendenza, seminario al liceo con medici e psicologi

Nuovo appuntamento per il progetto 'Rete della legalità'

Il seminario al liceo Diaz di Caserta

Nuovo appuntamento al liceo Diaz per “la Rete della legalità” che vede la sinergia tra le scuole secondarie di primo grado ‘Dante Alighieri’, ‘Giannone’, ‘Vanvitelli’, ‘Cavour di Marcianise’, ‘De Filippo di San Nicola’ e le scuole secondarie di secondo grado Liceo scientifico ‘Cortese’ di Maddaloni, e l’Istituto tecnico ‘Buonarroti’ di Caserta. 

Il Preside Luigi Suppa ha aperto i lavori del seminario “Disagio giovanile e tossicodipendenza” durante il quale si è discusso delle cause, della prevenzione e degli effetti sociali e individuali delle droghe con relatori impegnati nel campo della cura e della prevenzione.

Sul ruolo dell’Ordine dei Medici per le tossicodipendenze, la Presidente Erminia Bottiglieri ha illustrato agli studenti le unità mediche messe in essere nella provincia di Caserta. Il seminario si è, poi, incentrato soprattutto sul focus della prevenzione nonché della cura farmacologica e psicoterapeutica e i medici dell”UOC, Sert di Caserta, il direttore Giuseppina Marra e Vittorio Troisi, dirigente medico, hanno discusso della ricerca dei segnali e della successiva cura fino agli aspetti di tutela legale del tossicodipendente relativamente al lavoro.

Dopo il dottor Marco Nersita, psicologo, ha esemplificato il concetto di abuso e dipendenza in età giovanile. Dulcis in fundo la dottoressa Alessandra Sicignano, referente interno Commissione per la prevenzione e per la tutela del cittadino Ordine dei Medici di Caserta, ha presentato il tema sotto un altro aspetto partendo dai dati a dir poco sconfortanti del 2017 e di come sia “democratica e trasversale” oggi la dipendenza. Un monito: la dipendenza non guarda in faccia a nessuno. Mai quindi pensare di poter approcciare la droga pensando di poter dominarne gli effetti e  le conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Da quanto è emerso - ha dichiarato il Preside Suppa - è sempre più necessaria la sinergia istituzionale e l’informazione poiché le statistiche ci dicono che l’età in cui si si viene a contatto con le droghe si è abbassata ai 14 anni e anche ai 12 anni. La scuola - ha concluso il Preside - deve essere presente insieme alla famiglia nel percorso di formazione e porre in atto tutte le strategie utili alla prevenzione”.
Il seminario si è concluso dopo un dibattito coordinato dalla docente Tilde Pontillo, con interventi di genitori e studenti presenti. Parte del dibattito è disponibile sulla pagina FB del Liceo Scientifico Diaz con un video-diretta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sfondato il quorum: Nicoletti rettore con il 97% dei voti

  • Ecco le linee guida per gli alunni fino a 6 anni: niente mascherina in classe per i bimbi

  • Due milioni alle scuole per le misure anticovid, Magliocca: "Non bastano"

  • Villaggio dei Ragazzi, classi ‘ridisegnate’ e stop ad assembramenti all'entrata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento