All’Its Buonarroti un incontro sui prodotti tipici biologici con l'assessore regionale Caputo

L'assessore regionale Nicola Caputo

All’ITS Michelangelo Buonarroti di Caserta si è svolto, insieme al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Biologiche e Farmaceutiche (DiSTABiF) dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, un seminario online sul “Recupero e valorizzazione dei prodotti tipici campani, le leguminose in regime di agricoltura biologica”.

L’incontro, voluto dalla dirigente dell’Istituto Tecnico Statale “Buonarroti” Vittoria De Lucia, ha visto quali relatori Nicola Caputo, Assessore per la Regione Campania all’Agricoltura; Lucia Monaco, delegato del Rettore per la Terza Missione e Promozione del territorio dell’Università degli Studi “Vanvitelli”; il professore Antonio Fiorentino, Direttore DiSTABiF dell’Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli” rappresentato dalla professoressa Assunta Esposito; le professoresse Giovanna Battipaglia, Petronia Carillo, Pasqualina Woodrow del DiSTABiF e del Corso di Laurea in Scienze Agrarie e Forestali partito quest’anno come nuova offerta formativa del Dipartimento;  Nicola De Lucia, in qualità di Presidente Asso Artigiani ed Imprenditori Agricoli di Caserta. L’incontro è stato moderato dalla professoressa Sabrina Palmieri, docente dello staff della Ds.

Dopo i saluti istituzionali della Dirigente, l’qssessore Caputo ha sottolineato quanto sia necessario mettere in rete gli Istituti Agrari della Campania e quanto sia importante indirizzare le nuove leve verso un’attività sempre più professionalizzante e tecnologizzata. Ha evidenziato la particolare unicità del nostro territorio e della nostra biodiversità, che non sempre riusciamo a far emergere a livello nazionale. È stato poi posto l’accento sull’Agricoltura 4.0, sul Piano di Sviluppo Rurale (PSR), sugli alimenti funzionali, sulla sostenibilità ambientale e anche sull’importanza della Dieta Mediterranea (per la qual cosa l’istituto è partner dell’Unesco) focalizzando l’attenzione anche su tutti quei prodotti che vanno a soddisfare le particolari esigenze dei consumatori, che oggi sono sempre più spesso soggetti a intolleranze come al glutine, al nichel, ai minerali. L’assessore ha sintetizzato il suo intervento con una frase “il futuro è già presente per dire che dobbiamo accompagnare gli studenti di oggi a diventare ottimi imprenditori, sviluppare attività autonome e tradizionali di qualità, dare la visione giusta per poter affrontare il mercato del futuro, sfruttando la bellezza della nostra terra. Per far questo, è possibile ricorrere anche alla Banca della Terra, destinata a coloro che non hanno acceso alla terra ed al credito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si torna a scuola ma gli hacker paralizzano il registro elettronico

  • Tablet del ‘Giordani’ ai militari per controllare gli accessi al centro vaccinale

  • Concerto di Pasqua in streaming al “Villaggio dei Ragazzi”

  • Covid e carceri, seminario online dell'Università Vanvitelli

  • La pallavolo si racconta agli studenti del liceo Manzoni

  • La Juvecaserta Academy va nelle scuole: accordo col liceo Manzoni

Torna su
CasertaNews è in caricamento