rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Scuola

Scuola, ecco le nuove regole anti Covid: dall'isolamento alle mascherine

Il protocollo dovrebbe scattare il 10 gennaio. Ma De Luca e i sindaci sono contrari alla riapertura

Il Governo, attraverso l'ultimo decreto, ha anche definito come muoversi in caso di contagi a scuola. Le regole dovrebbero scattare a partire da lunedì 10 gennaio. Per quanto riguarda asili nido e scuola dell'Infanzia già al primo caso di positività viene disposta la quarantena per 10 giorni e il personale scolastico è obbligo a utilizzare le mascherine Ffp2. Invece nella scuola Primaria con un solo contagio la didattica in presenza va avanti ma i bambini dovranno essere sottoposti subito a un test rapido e poi a un secondo tampone dopo 5 giorni, in caso di due positività si va subito in quarantena per 10 giorni. Per quel che riguarda Medie e Superiori, dagli 11 anni in su quindi, con un solo caso si resta tutti in classe, sempre con mascherina Ffp2 e con un test antigenico da eseguire ogni 10 giorni. Nel caso in cui i positivi siano due gli studenti non vaccinati vanno in Dad. Didattica a distanza anche per i vaccinati e i guariti da più di 120 giorni. Per tutti gli altri la scuola continua in presenza ma con tampone rapido ogni 10 giorni e indossando la mascherina Ffp2. Nel caso in cui ci siano tre positivi in classe scatta per tutti la Didattica a distanza.

Sarà cura dei dirigenti scolastici applicare il protocollo. Fino al 28 febbraio presso le farmacia gli studenti potranno usufruire di tamponi gratuiti presentando semplicemente l'impegnativa del medico di base.

Queste le regole per le scuole, sebbene sia ancora in corso la polemica tra istituzioni locali e Governo affinché sia posticipato il rientro in classe. In Campania il governatore Vincenzo De Luca ha più volte evidenziato, secondo lui, la necessità di chiudere le scuole ma, per legge, non ha il potere di prendere questa decisione. Anche i sindaci temono un'escalation di positivi lamentando che le scuole potrebbero essere focolai di contagio. Il sindaco di Caserta Carlo Marino, in qualità di presidente dell'Anci, ha chiesto una 'pausa didattica' fino a fine gennaio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, ecco le nuove regole anti Covid: dall'isolamento alle mascherine

CasertaNews è in caricamento