Boom di iscrizioni al liceo Diaz, il preside chiede altre aule alla Provincia

Quattrocento ragazzi hanno scelto l'istituto che si avvia a festeggiare il centenario

Ad iscrizioni ormai concluse per l’anno scolastico 2021/22, il liceo “Armando Diaz” è risultato, ancora una volta, il liceo scientifico più richiesto dagli studenti di Caserta e provincia.

Istituito nel 1923, l’oramai quasi centenario Diaz conserva il suo primato e vanta una platea vastissima accolta nelle sue sedi di Caserta e San Nicola la Strada. Infatti, nonostante l’emergenza del momento e l’impossibilità di visitare l’istituto coi tradizionali “open day” nonché i criteri restrittivi stabiliti dal consiglio d’Istituto in funzione della capienza degli edifici, circa 400 studenti hanno scelto il "Diaz" iscrivendosi ad uno degli indirizzi proposti che ben rispondono alle esigenze di una società in continua evoluzione in cui la cultura, la qualità dell’istruzione e della formazione, rivestono un ruolo sempre più importante.

Molto soddisfatto il dirigente scolastico, Luigi Suppa, che, per poter far fronte alla sempre più elevata richiesta di iscrizioni, ha dovuto richiedere alla Provincia altre aule, al fine di evitare i doppi turni: “Ringrazio tutti coloro che anche quest’anno hanno scelto il Diaz, gli alunni, le loro famiglie e tutti i docenti che, giorno dopo giorno, con la loro professionalità, la loro dedizione e il loro impegno sono riusciti, anche in tempi di emergenza, attraverso la didattica digitale integrata, a rendere sempre più elevata la qualità dell’offerta formativa del nostro Liceo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maturità 2021, le due ipotesi sul tavolo del nuovo ministro

  • Il team del 'Giordani' scelto dal Ministero per guidare il progetto "Future Labs"

  • Dama a scuola, al via il corso di formazione per i docenti del 'Novelli'

  • Scuola, prolungamento al 30 giugno al vaglio per le Elementari

  • Nuovo open day 'virtuale' al Villaggio dei Ragazzi

  • Cyberbullismo, il Liceo Artistico in prima linea

Torna su
CasertaNews è in caricamento