Scuola, De Luca conferma rinvio dell’anno scolastico: “Solo il 23,8% del personale ha fatto test”

Il governatore: “Bisogna rendere obbligatorio il sierologico. Ad oggi la situazione non mi pare tale da consentirci di iniziare il 14 settembre”

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca

“La situazione ad oggi non mi pare tale da consentirci di aprire in tranquillità il 14 settembre”. Vincenzo De Luca conferma quello che ormai sembra una certezza: l’anno scolastico in Campania non riprenderà tra dieci giorni ma, molto probabilmente, il 24 settembre, dopo la tornata elettorale per Referendum, Regionali e Comunali. Il presidente della Regione ha spiegato che “prenderemo una decisione definitiva all’inizio della prossima settimana” sottolineando che se fino ad ora non è stata ufficializzata la decisione è perché “se avessimo deciso qualche settimana fa di ritardare l’apertura dell’anno scolastico, non sarebbe arrivato nulla in Campania. Noi stiamo facendo cento volte più di quello che sarebbe il nostro compito istituzionale e stiamo valutando in maniera laica ed oggettiva, senza fare polemiche, cercando di fare arrivare, in queste ore, in Campania, quanto più materiale possibile, dai banchi al materiale igienico-sanitario”. De Luca ha ricordato che già l’Anci (l’associazione nazionale dei comuni italiani) “da 10 giorni ha chiesto alla Regione di rinviare a dopo le elezioni perché i Comuni ci dicono che non sono pronti ad aprire in tranquillità”. Ed è proprio questa la strada che sembra voler intraprendere anche la Regione.

Anche perché ci sono due nodi importanti ancora da risolvere. In primis, quello dei test a cui far sottoporre il personale scolastico: “Il governo ha deciso di fare il sierologico su base volontaria, una scelta sbagliata. E' sbagliato. Io capisco che non abbiamo l’affidabilità assoluta del test sierologico, ma se c’è un comparto dove deve essere obbligatorio il test, è quello scolastico, per la tutela del personale docente e per la tranquillità delle famiglie. I dati che abbiamo oggi ci dicono che sono stati eseguiti in Campania 38mila test sierologici, pari al 23,8% del totale. I test hanno rivelato 600 positivi; di questi, il tampone ha dato esito negativo per 432 persone mentre 168 in attesa dell’esito”. Ma, sottolinea De Luca, “dobbiamo arrivare al 100% del personale scolastico, questo richiederà qualche giorno in più e cercheremo di avere certezze. Proporremo al governo di rendere obbligatorio il test”.

L’altro problema è quello relativo alla temperatura degli alunni quando entrano in classe: “L’orientamento del governo di far misurare la febbre a casa è sbagliato - ha tuonato De Luca - E’ una decisione cervellotica. Abbiamo deciso, per questo, di stanziare un bonus di 3mila euro per gli edifici scolastici affinché si dotino di termoscanner per misurare la temperatura. Daremo la possibilità ai dirigenti di acquistare i misuratori con la telecamera per evitare assembramenti. Da lunedì i dirigenti potranno segnalare il numero di plessi e di alunni, la Regione stanzia 3mila euro per tutti i plessi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non manca anche una frecciatina alla ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina: “Dalla riunione fatta in Regione è emerso un problema per il personale. Entro il 14 settembre ci sarà tutto l’organico dello scorso anno, ma questo numero non basterà se dobbiamo dividere le classi per non avere 32 alunni in classe, ne dobbiamo avere di più. Non più personale sulla carta, ma già pronto. Per questo sarebbe stato utile stabilizzare i precari. Anche perché avremo anche il cosiddetto personale fragile di chi ha problemi di salute che si metterà in malattia ma, ad oggi, non abbiamo ancora un dato disponibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Liceo Fermi sfiora il podio al 'Mad for Science': vinti 10mila euro

  • Arcuri brucia i tempi, finalmente arrivano i primi banchi

  • Scuole chiuse per l'emergenza Covid, attivata la didattica a distanza

  • Nuove graduatorie proviciali, è caos. "Punteggi errati e titoli inidonei all'insegnamento"

  • L'appello disperato di 67 prof precari: "Abbiamo bisogno di lavorare"

  • Amazon 'Prime Day' per gli studenti: ecco come 'prenotare' lo sconto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento