Asili nido e scuole per l’infanzia chiusi: “Sei mesi di stop faranno molto male”

E’ nato un comitato per dare forza ai problemi dei gestori: “Esclusi anche dal credito di imposta per i fitti”

La scuola non ripartirà prima dell’estate e, oltre ai problemi dei genitori che, a breve, dovranno tornare a lavoro, c’è anche un altro nodo (non da poco) da affrontare: quello relativo agli asili nido ed alle scuole per l’infanzia private. Per questo motivo in Campania è stato il comitato ‘Servizi per l’infanzia’ che racchiude un centinaio di istituti privati, molte delle quali in provincia di Caserta, che stanno cercando di accendere i riflettori sulla loro situazione.

“Parliamo di una fascia di età che va dagli 0 ai 6 anni, bambini a cui trascorrere ore insieme ai propri coetanei farebbe molto bene” spiega Mina Chirico di ‘Centro Infanzia Baby Birba’ di Castel Morrone. “Ma oltre a pensare ai nostri amati bambini, in questi giorni stiamo vivendo difficoltà enormi perché molte strutture sono praticamente escluse dalle possibilità di aiuto che sono state varate”.

A partire, ad esempio, dai fitti: “Non è previsto per noi il credito di imposta - spiega Mina Chirico - che invece è stato destinato alle sole attività commerciale. Eppure tra di noi c’è chi paga tremila euro di fitto al mese. Naturalmente in queste settimane i genitori non hanno pagato le rette e tutto si sta riversando sui gestori delle strutture. La scuola dovrebbe restare chiusa fino a settembre, sperando che non si vada oltre. Parliamo di 6 mesi di chiusura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A gestori vanno aggiunti, poi, anche i dipendenti per i quali “speriamo che venga prorogata la cassa integrazione” anche perché, almeno ad oggi, non si vede neanche la possibilità di poter organizzare campi estivi. “Speriamo che la politica si accorga di noi e che vengano destinati anche a noi contributi per permetterci di guardare al futuro con maggiore ottimismo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Liceo Manzoni adotta il Palazzo Paternò e vince il concorso nazionale

  • Il Liceo Fermi sfiora il podio al 'Mad for Science': vinti 10mila euro

  • Arcuri brucia i tempi, finalmente arrivano i primi banchi

  • Scuole chiuse per l'emergenza Covid, attivata la didattica a distanza

  • L'appello disperato di 67 prof precari: "Abbiamo bisogno di lavorare"

  • Le lezioni proseguono a distanza: "Al Villaggio dei Ragazzi siamo pronti ad ogni evenienza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento