“Alzi la mano chi è contro la violenza di genere”

Il convegno promosso dal progetto con-Tatto si è svolto al Giordani

Il convegno al Giordani di Caserta

Si tenuto sabato mattina, 14 dicembre, presso l’I.T.I.S.“Francesco Giordani” di Caserta, il convegno “Alzi la mano chi è contro la violenza di genere”, promosso dall’equipe di Progetto con-Tatto, organismo della Caritas diocesana di Caserta, a conclusione di un ciclo di laboratori svolti con gli allievi delle classi seconde.

Grande emozione ha espresso la dirigente scolastica, professoressa Antonella Serpico, per l’esito delle attività e per la metodologia adottata al fine di interagire con i giovani adolescenti cercando di costruire con loro un dialogo aperto ad un confronto dinamico. Assenti il primo cittadino, Carlo Marino, che ha trasmesso i suoi saluti e la assessora uscente Maddalena Corvino, la presidente dell’associazione “Angeli”, che ha inviato un suo personale messaggio di rammarico per non essere stata partecipe al tavolo dei relatori a causa di sopravvenuti impedimenti.

In rappresentanza delle forze dell’ordine è intervenuta la dott.ssa Maria Rosa Mauro, commissaria della Polizia di Stato (Questura di Caserta), che ha illustrato i processi di azione e il modus operandi delle autorità, qualora si riscontri un caso di abuso e di violenza, soprattutto tra le pareti domestiche: “Dialogare costituisce uno strumento di contrasto alle paure – ha asserito - Bisogna coinvolgere tutte le parti sociali in una partecipazione attiva nell’aiutare i giovani a discernere i reali pericoli dalle sovrastrutture strumentali create ad arte per far leva sulle persone. La paura verso l'altro, verso categorie di persone, verso il diverso rappresentano oggi, come ieri, i canoni di una società limitata. Pertanto la conoscenza e l'informazione sono necessari per abbattere i muri del pregiudizio” – ha concluso la Mauro.

Alla psicoterapeuta familiare Marina Scappaticci è stato affidato il compito di illustrare le fasi di azione con cui si è agito in aula con gli studenti, uscendo da una fase sessuale nella definizione di violenza di genere per entrare in un substrato sociale, proponendo la differenza sostanziale tra conflitto e violenza. 

Il percorso, ci tengono a precisare gli operatori di Con-Tatto, è stato condiviso con la scuola; passo fondamentale per ottenere una partecipazione vera, quella che ha aiutato a trasportare il messaggio di emergenza sociale anche al di fuori del contesto scuola, scoprendo che i ragazzi si sono resi portavoce in famiglia e nei contesti di gruppo, di discussione incentrate contro la violenza e la disparità di diritti tra uomini e donne.

Standing ovation per don Antonello Giannotti, direttore Caritas diocesana di Caserta, che a cuore aperto ha parlato ai giovani sull’importanza di fondare terreni di pace, richiamando l’importanza di essere operatori Caritas anche lì dove esistono convinzioni di odio e violenza. “Questo progetto sta facendo miracoli, e ci sentiamo soddisfatti del lavoro svolto perché è necessario iniziare a sentire imperante la formazione delle coscienze. Larga e spaziosa é la strada che conduce alla perdizione dice la Bibbia – afferma don Antonello – e oggi è allarmante il dato che ci offre un’alta percentuale di personalità destrutturate; si tratta di giovani definiti allo sbando totale. La nostra presenza é per dirvi che vi vogliamo bene e vorremmo vedervi crescere nella Luce, senza rimandare a domani – ha concluso il direttore della Caritas.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una mattina intensa e ricca di entusiasmo che ha regalato agli studenti un’occasione per sentirsi parte del tutto nella società e protagonisti del loro destino, di cui un grande merito va al corpo docente e alla dirigente Serpico per la dedizione profusa nella crescita dei giovani in un sistema di valori sani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test sierologici per prof e personale Ata: fissata la data d'inizio. E' già corsa contro il tempo

  • La scuola post Covid, incubo doppi turni. Arrivano le prime segnalazioni

  • Ecco le linee guida per gli alunni fino a 6 anni: niente mascherina in classe per i bimbi

  • Villaggio dei Ragazzi, classi ‘ridisegnate’ e stop ad assembramenti all'entrata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento