rotate-mobile
Scuola

Gli alunni della 'Giannone-De Amicis' all'incontro col ministro Bianchi

Giornata memorabile per l’Istituto Comprensivo “Giannone – De Amicis” di Caserta che, nella giornata conclusiva del progetto di Cittadinanza e Costituzione per le classi terze la cui responsabile è Cinzia Battista, è stato protagonista di un webinar assieme a relatori illustri quali il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, il Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea Antonio Parenti ed il Presidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati Pietro Fassino.

L’Istituto della dirigente Maria Bianco, rappresentata dal professor Liberti che ha accompagnato i ragazzi insieme a Cinzia Battista in questa videoconferenza nazionale, è stato l’unico del primo ciclo ad essere invitato al tavolo, assieme a storici istituti superiori di Roma (licei Vivona, Manara, Talete e Darwin) di Torino (D’Azeglio ed Einstein) e di Palermo (Cassarà).

A rappresentare la storica scuola media di corso Giannone, è stata l’alunna Anna Apperti della III B, che ha posto a Parenti ed al Ministro Bianchi alcune questioni emerse durante il corso del progetto di Cittadinanza e Costituzione, in particolare sulle difficoltà nel costituire una Unione Europea realmente politica e non solo economica e sull’esigenza di istituire una vera e propria materia di insegnamento nelle scuole di ogni ordine e grado come Cittadinanza e Costituzione.

Nel rispondere, il Ministro Bianchi ha proposto ai ragazzi una serie di riflessioni, come per esempio sulla “Storia che non è solo lo studio di un libro, ma il risultato di una serie di scelte ardue, anche di conflitti che hanno portato a noi stessi che siamo il risultato della storia e la premessa della storia”. Egli ha poi consigliato agli studenti di parlare di Europa, dandosi loro stessi questa prospettiva e dimensione storica e quanto più la pandemia li ha chiusi in uno spazio del presente, tanto più è importante che loro riconquistino lo spazio della storia e lascino alle spalle l’odio, la violenza, la discriminazione razziale per andare verso una nuova fase in cui si uscirà con più solidarietà, democrazia, con più Europa. Il dott. Parenti ha sottolineato, poi, l’importanza di un’Europa dei popoli che significa non solo dichiarazioni d’intenti, ma concretezza, per esempio, con i programmi Erasmus che fanno incontrare e dialogare gli studenti di tutta Europa.

Alla fine, sono state ampie ed interessanti le conclusioni di Fassino che ha posto l’accento sulla tematica dell’integrazione che vuol dire senz’altro rispetto per le reciproche differenze culturali, ma senza per questo accettare violazioni dei diritti fondamentali delle persone. Una esperienza sicuramente molto formativa per i giovani studenti e studentesse del Giannone, a pochi giorni dall’esame che li proietterà verso il mondo dell’istruzione superiore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli alunni della 'Giannone-De Amicis' all'incontro col ministro Bianchi

CasertaNews è in caricamento