Bullismo, corso di formazione per docenti e personale scolastico

Il progetto condiviso del Giordani con l'associazione "Noi Voci di Donne"

Al via la seconda fase del progetto sul bullismo condiviso dall'associazione Noi Voci di Donne e l'istituto Giordani di Caserta, guidato dalla dirigente scolastica Antonella Serpico.

Il corso di formazione, destinato a docenti e personale Ata, è finanziato dalla Regione Campania con risorse del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. "Il bullismo è un fenomeno molto diffuso, soprattutto nel mondo della scuola secondaria di primo e secondo grado - spiega la preside Serpico - L’istituto Giordani è impegnato da tempo sul fronte della prevenzione del bullismo, del cyberbullismo, di ogni forma di violenza. Compresa quella di genere: ad essere colpite, spesso, sono le ragazze. La  diffusione della tecnologia e dei social network tra i più giovani ha inoltre alimentato il fenomeno del cyberbullismo che, al contrario del bullismo, non trova un limite negli ambienti sociali ed è capace di invadere anche la sfera privata e familiare.
Per queste ragioni parlare di bullismo e cyberbullismo, rendendo gli studenti fin da piccoli consapevoli delle risorse che si hanno a disposizione per non lasciarsi sopraffare, diventa sempre più importante. Non a caso, il 7 febbraio ricorre la giornata contro il bullismo. E, a proposito di ricorrenze, il 9 febbraio 2021 è in programma la 18esima edizione del Safer Internet Day, una ricorrenza che ha lo scopo di promuovere in tutto il mondo pratiche per un internet più sicuro, specialmente per i più piccoli".

Un progetto al quale "stiamo lavorando per una crescita comune e sana che vede coinvolti diversi attori appartenenti ad ambiti diversi. Il nostro obbiettivo è quello di dare ai nostri giovani e al personale scolastico strumenti utili al contrasto della violenza di genere - commenta la presidente di Noi Voci di Donne Pina Farina - Da anni lavoriamo anche a sostegno delle scuole attraverso workshop e corsi formazione sui fenomeni violenti e le devianze che investono molto spesso i nostri giovani.  La rete dei partecipante a questo progetto, è una rete solida e compatta che da tempo collabora con la nostra organizzazione in attività di prevenzione e di sensibilizzazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si torna a scuola ma gli hacker paralizzano il registro elettronico

  • Tablet del ‘Giordani’ ai militari per controllare gli accessi al centro vaccinale

  • Concerto di Pasqua in streaming al “Villaggio dei Ragazzi”

  • Covid e carceri, seminario online dell'Università Vanvitelli

  • La pallavolo si racconta agli studenti del liceo Manzoni

  • Torna in funzione lo scuolabus per gli studenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento