Riapre il Museo di Parete con le 'Presenze Contemporanee'

  • Dove
    Parete Art Museum
    Indirizzo non disponibile
    Parete
  • Quando
    Dal 11/10/2020 al 22/11/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
L'interno del Palazzo ducale di Parete

Il Parete Art Museum riapre al pubblico dopo la pausa estiva con la prosecuzione della rassegna di arte e design “Presenze Contemporanee”. Tema di questo secondo appuntamento è il Paesaggio come Memoria. L’esposizione sarà inaugurata domenica 11 ottobre, dalle 11 alle 13 e nel pomeriggio dalle 17 alle 20, e proseguirà fino al 22 novembre. L’esposizione occuperà tutte le magnifiche stanze del Piano Nobile del Palazzo Ducale di Parete, sede del PAM, in via Umberto I. La mostra è il naturale proseguimento del lavoro portato avanti dallo staff del PAM dopo l’interesse suscitato con la presentazione della sezione design a direzione creativa di Roberto Monte, inaugurata con il primo Frame della rassegna: "I Frame – specifica Monte – sono delle finestre tematiche, dei telai che focalizzano specifiche interpretazioni del paesaggio e che compongono il percorso di ricerca di Presenze Contemporanee secondo una logica che ha analizzato, nella prima finestra, il Paesaggio come Passaggio ovvero come attraversamento, viaggio con uno specifico focus letterario, in questa seconda esposizione il Paesaggio come Memoria che si concretizza negli oggetti, negli spazi, per proseguire nel terzo frame con il Paesaggio come Antitesi ovvero conflitti e destini. In particolare il Paesaggio come Memoria è inteso come luogo della mente: il Paesaggio è medium tra noi e il mondo, diventa memoria di sé stesso è al tempo stesso fuori e dentro di noi. Il paesaggio si fa memoria negli spazi interni, intimi e domestici, e negli oggetti".

Un gran lavoro di squadra quindi con ambiziosi obiettivi: "Questo secondo Frame – spiegano gli organizzatori – come il precedente, è in continuità con le linee programmatiche del PAM e si inserisce nell’ambito di un filone di indagine e ricerca su temi di sostenibilità ambientale e sociale. Il paesaggio non è da intendere come semplice accostamento di forme naturalistiche o urbane che caratterizzano lo spazio, ma anche e soprattutto come l’insieme di sguardi degli uomini che in esso cercano e trovano punti di riferimento.".

"La memoria, del resto, – specifica Elvira Buonocore, curatrice della mostra per la sezione design – è un’architettura impossibile, è esplorazione all’infinito alla maniera escheriana, in cui le forme cambiano e gli episodi delle nostre vite diventano tassellature continue che riempiono la mente. Una sopra l’altra".

Ovviamente Presenze Contemporanee non sarà solo design: permane l’esposizione pittorica di arte e cultura, a cura di Paolo Feroce, che «persegue con tenacia e passione l’ambizioso obiettivo di diventare un appuntamento costante nel panorama italiano e internazionale per la promozione e la discussione sul senso dell’arte e del fare arte oggi». L’esposizione prevede anche un open-lab dedicato a designer emergenti, affiancati da professionisti già affermati; con talk e performance, in un’ottica di interlocuzione con le realtà locali mediante workshop e laboratori atti a costruire legami di collaborazione con il territorio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • La pandemia da Covid non ferma la festa di Sant'Antuono: il programma completo

    • Gratis
    • dal 14 al 17 gennaio 2021
  • La Madonna della Medaglia Miracolosa fa tappa a Caserta

    • Gratis
    • dal 17 al 19 gennaio 2021
    • Santuario di Sant'Anna
  • A Palazzo Fazio riparte la stagione di teatro e danza

    • dal 8 novembre 2020 al 21 giugno 2021
    • Palazzo Fazio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CasertaNews è in caricamento