"Lascia fare al destino", il romanzo di Schiraldi presentato al Terra di Lavoro

Sarà presentato a Caserta, sabato 8 febbraio, alle 10.00, presso la Sala Concerto dell’Istituto Tecnico Commerciale Terra di Lavoro, in via A. Ceccano 2, il nuovo e avvincente romanzo di Vittorio Schiraldi “Lascia fare al destino”, appena pubblicato dalla Marlin, la casa editrice di Tommaso e Sante Avagliano.

Vittorio Schiraldi incontrerà gli studenti dell’Istituto di Terra di Lavoro per parlare di temi importanti come quello della droga. A fare gli onori di casa sarà il Dirigente Scolastico Emilia Nocerino. Insieme all’autore, discuteranno la professoressa Maria Carmina Russo ed il professore Marco Lugni. Le letture saranno affidate all’attrice Bice Del Giudice, mentre gli interventi musicali saranno a cura del professore Ugo Savino D’Alterio.

Cosa succede in una famiglia borghese, benestante, la classica famiglia “per bene”, quando, al suo interno, entra in scena la droga? Le dinamiche cambiano, gli assetti si disequilibrano, il centro dell’attenzione, della cura, del dubbio, della vita stessa, diventa quel ragazzo o quella ragazza, che, pur non avendo bisogno di niente, pur avendo il privilegio di poter scegliere qualunque strada seguire, scelgono il percorso che li condannerà ad autodistruggersi mentre la famiglia nel tentativo di salvarli, si scopre contagiata da quel male di vivere, nel senso di non più libera di agire secondo i parametri di una normale serenità, non più capace di godere di gioie semplici, non più in grado di capire cosa e come fare per uscire, tutt’insieme, da quell’incubo. Questa è la vertigine narrata nel romanzo “Lascia fare al destino”, nel quale Vittorio Schiraldi, attraverso una lucida e al tempo stesso appassionata analisi, scandaglia le realtà inaspettate alle spalle di tantissime vicende umane che poi si affacciano agli onori della cronaca nei momenti drammatici in cui sconfinano nell’illegalità, la violenza, la morte. Carceri, comunità, ospedali, piazze di spaccio, tante sfaccettature che incrociano i destini di Ilaria e Simone, i due giovani protagonisti del libro.

“Avevo deciso di scrivere un romanzo per raccontare il percorso di uno dei tanti giovani che finiscono per drogarsi e di cui spesso non sappiamo quasi niente, se non quando improvvisamente la loro storia affiora e si conclude con poche righe in cronaca, quando vengono trovati con l’ago di una siringa piantato in vena -racconta l’autore Vittorio Schiraldi -. Al tempo stesso volevo raccontare, in una sorta di diario, con quale sofferenza tale dramma viene vissuto all’interno di una famiglia alterandone i ritmi, la serenità, gli interessi e gli scopi di vita. Per documentarmi iniziai quindi una serie di ricerche e colloqui, frequentando centri di recupero per tossicodipendenti, esperti, genitori e giovani quotidianamente in fila davanti a un Sert di Roma per procurarsi una dose di metadone. Fu lì che incontrai Simone”. Un romanzo di grande attualità, uno sguardo carico d’umanità su una realtà sociale complessa e sanguinante, che passa per incomprensioni, incomunicabilità, senso d’impotenza che coinvolgono il mondo incerto degli adulti e quello di molti giovani, sempre più fragili.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Visite notturne al Belvedere di San Leucio

    • dal 3 al 4 luglio 2020
    • Belvedere di San Leucio
  • Il ‘Parete Art Museum’ riapre dopo i mesi di lockdown con "Presenze Contemporanee"

    • dal 27 giugno al 15 agosto 2020
    • Parete Art Museum
  • Matrimoni, open day a Villa Gemma per la ripartenza

    • oggi e domani
    • dal 4 al 5 luglio 2020
    • Villa Gemma
  • Raiz, Servillo e Bosso per il festival all'Arena Spartacus

    • dal 9 luglio al 15 settembre 2020
    • Arena Spartacus - Amico Bio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CasertaNews è in caricamento