"Le parole che vado cercando" tra pittura e poesia al Museo Campano

Si terrà domenica 1 dicembre, a partire dalle 10,30, presso il Museo Campano di Capua, la presentazione del libro "Le parole che vado cercando", scritto da Floriana Viggiano. Il convegno sarà introdotto dalla giornalista Lidia Luberto, che farà perno sulle relazioni concernenti “Il senso dell’arte” di Giorgio Agnisola e “La matematica e la sua bellezza” di Nicola Melone

E’ fuor d’ogni dubbio che l’arte incarna l’umana ascesi e in prima fila brillano poesia e pittura. In tale binomio s’inquadra la matura produzione creativa di Floriana Viggiano. Tanto “pensiero razionale” per oltre quattro decenni della sua vita professionale, tanto rigore scientifico alternato ai doveri che la famiglia implica, tanta esplosione artistica si sprigiona oggi, ritrovando il tempo fertile per un ritorno, fertilissimo, alle sue passioni giovanili: poesia e pittura, appunto. Questo, in estrema sintesi, il background su cui sono sgorgate “Le parole che vado cercando”, cioè il volume che la Viggiano ha di recente pubblicato per le Edizioni Eracle, arricchito dalla prestigiosa prefazione del critico Giorgio Agnisola.

La strutturazione dei concatenati segmenti dell’opera esordisce esaltando il valore delle “relazioni”: l’autrice amabilmente racconta i “tentativi” incessanti di raccordare “al mondo l’autenticità dei suoi sentimenti”, quasi acclarando come perfino la materia possa sostenere lo spirito e, naturalmente, cantando in versi la variegata forza della relazionalità affettiva interna ed esterna al focolare domestico, con emozionanti accenti dedicati ai figli (interpreti impareggiabili di quell’amore che si fa alto e profondo e mira ad una compenetrazione di prospettiva che suscita aneliti e speranze sull’avvenire comunque ignoto) ed al compagno di vita (tratteggiandolo ed “amandolo nei suoi colori, nella sua forza, nelle sue fragilità e nella sua imperfetta ma costante caparbia presenza”).

Svelata così la sua sensibile interiorità al cospetto della migliore relatività emotiva, la Viggiano conduce il lettore a sondare, in profondità, la coscienza del tempo, trascorso e da venire, concepito come “quarta dimensione” il cui sviluppo ci concede di capire che “il nostro tempo finito può avere senso solo in una generosa dimensione di universalità” e ci porta “con gli angeli verso il tempo supremo”. Qui il libro perviene ad un clou della rielaborazione esistenziale di sublime risonanza. Ne scaturisce, inevitabile, la pedagogica concezione della vita che l’autrice non esita a considerare “dono che abbiamo ricevuto e che dobbiamo essere pronti a restituire con gratitudine”, oltretutto atteso che “nell’obbedienza alle leggi della vita e della natura è riposta la nostra felicità”.

Emerge a chiare lettere, allora, un impianto di trasparente stampo filosofico che punta dritto, infine, ad una visione della Poesia i cui occhi compiono il miracolo di far diventare ogni esperienza ed ogni palpito umano “fonte di consolazione e meraviglia”. E l’approdo, a questo punto, tocca la dimensione religiosa del pensare e dell’agire, sicché “le belle parole sussurrate o gridate dall’amore che ci nasce dentro devono bastarci e divenire altissima preghiera”. Eppure la ricerca non è finita, non finirà mai. Sorge perciò una duplice esigenza: da un lato il piacere di scandagliare, componimento per componimento, tela per tela, i traguardi acquisiti; dall’altro il desiderio, comprensibile, di auspicare fin d’ora nuove pubblicazioni che rivelino gli ulteriori passi di Floriana Viggiano che da subito, con questo volume, giunge ad occupare un posto di primo piano nel nostro panorama letterario strettamente connesso all’arte pittorica. Non a caso Agnisola conclude la sua prefazione affermando che Ella “rivela una sua cifra visiva, una natura di forte e pura controllata emozione, che lascia intravedere un cammino, una sintesi, un suo felice, convincente registro”.

La “sezione aurea” è il leitmotiv dell’opera e trova esplicazione nel ricorrente “gioco” delle spirali “viste dall’artista come punto di partenza, di arrivo ed anche di sospirato ritorno, poiché possono essere percorse in ogni verso ed offrono scappatoie, itinerari, linee di fuga, momenti di sogno e strade di ritorno e accolgono nelle loro morbide curve il pensiero sospeso, cullandolo, terreno di crescita e trampolino di emozioni”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Ficarra e Picone alla Reggia di Caserta

    • Gratis
    • 18 dicembre 2019
    • Cappella Palatina - Reggia di Caserta
  • Lectura Dantis Sammaritana alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie

    • Gratis
    • dal 14 novembre 2019 al 13 febbraio 2020
    • Chiesa di Santa Maria delle Grazie
  • Cibo, salute e ambiente: incontro col ministro da Dolce & Salato

    • solo oggi
    • Gratis
    • 6 dicembre 2019
    • Accademia Dolce&Salato

I più visti

  • Notte Bianca, ecco tutto il programma e le piazze della grande festa a Caserta

    • Gratis
    • 7 dicembre 2019
  • "Natale a Carditello", carrozze e mongolfiere nella Reggia dei Borbone

    • da domani
    • dal 6 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Reggia di Carditello
  • La Notte della Tammorra: la grande festa per l'Immacolata

    • Gratis
    • 8 dicembre 2019
  • Da Artemisia a Hackert, la Galleria Lampronti in mostra alla Reggia

    • dal 13 settembre 2019 al 13 gennaio 2020
    • Reggia di Caserta
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CasertaNews è in caricamento