menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110119102841_Cambuzat

20110119102841_Cambuzat

Amaury Cambuzat [ Ulan Bator] con il suo progetto solista al Jarmush Club

Caserta - Di nuovo in Italia Amaury Cambuzat, di nuovo a Caserta. L'eclettico musicista francese, a partire dalle 22.30 di giovedì 20 gennaio, porterà nello storico Jarmush Club il suo disco solista d'esordio, The Sorcerer. Progetto che gli è...

Di nuovo in Italia Amaury Cambuzat, di nuovo a Caserta. L'eclettico musicista francese, a partire dalle 22.30 di giovedì 20 gennaio, porterà nello storico Jarmush Club il suo disco solista d'esordio, The Sorcerer. Progetto che gli è valso le ottime critiche di tutta la critica europea, The Scorerer, rappresenta un passaggio fondamentale per la carriera dell'ideatore e fondatore degli Ulan Bator, oltre che collaboratore dei Faust da dieci anni a questa parte.
The Sorcerer, ultimo lavoro di Cambuzat, è il risultato dell'ispirazione avuta nel musicare il controverso capolavoro della filmografia, "Tabù, A story of the South Seas", del regista Friedrich Wilhelm Murnau, noto ai più per aver firmato il capolavoro Nosferatu il vampiro. L'opera, per quanto caratterizzata dall'assenza di parole, nasce in un periodo in cui al cinema era già stato consegnato il sonoro. L'assenza di dialoghi nel capolavoro di Murnau è attribuibile al desiderio del regista di rendere il luogo di ambientazione, la meravigliosa isola di Bora Bora, un "non luogo", in un "non tempo" che è poi il tempo del per sempre. Censurata negli States per la presenza di donne polinesiane a seno nudo, l'opera conserva un fascino inspiegabile, nutrito di espressionismo e rivoluzione cinematografica, con segmenti che rimandano allo stile documentaristico, con le sue inquadrature invadenti, tanto lontane dal primo cinema muto. Una storia che è sintesi di un tempo infinito, intessuta di mito e verisimile, che facilmente crea delle suggestioni ingestibili negli utenti sensibili. Non è difficile intuire quale urgenza Amaury Cambuzat abbia avvertito di fronte al capolavoro di Murnau. L'intervento che l'artista fa dal vivo sul "silenzio" della pellicola produce un risultato superbo, straniante, che rimarca l'eternità dell'immagine partorita lontano dalle logiche di mercato. Come in tutto ciò che porta la sua firma, Amaury traccia anche in questo progetto una linea di innovazione da cui è difficile tornare indietro.Per la realizzazione del concerto, il Jarmusch Club si avvale della collaborazione della realtà di promozione musicale muma|music machine, impegnata da anni nella creazione di un parterre attento e interessato nella città di Caserta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento