menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110102214438_sconcerto_servillo

20110102214438_sconcerto_servillo

'Sconcerto', lo spettacolo con Toni e Peppe Servillo al Mercadante di Napoli

Caserta - I fratelli Toni e Peppe Servillo, l'attore più richiesto del momento e il leader degli Avion Travel, sono insieme in scena con Sconcerto, che dal 2 al 22 febbraio sara' al Mercadante di Napoli. Nelle sale con Una vita tranquilla di...

I fratelli Toni e Peppe Servillo, l'attore più richiesto del momento e il leader degli Avion Travel, sono insieme in scena con Sconcerto, che dal 2 al 22 febbraio sara' al Mercadante di Napoli. Nelle sale con Una vita tranquilla di Claudio Cupellini e Gorbaciof di Stefano Incerti, atteso nel Gioiellino, secondo film di Andrea Molaioli, dedicato al caso Parmalat, Toni sogna intanto "una commedia: a teatro mi capita spesso di interpretare personaggi leggeri, al cinema no, ma vorrei tanto".
Toni Servillo si presenta al pubblico dello Stabile con uno spettacolo tra prosa e musica, Sconcerto, su testo di Franco Marcoaldi e musica di Giorgio Battistelli,dove il grande attore sarà in scena con l'Orchestra del Teatro di San Carlo diretta da Marco Lena. Sono l'orchestra e il suo direttore, infatti, i protagonisti dello spettacolo. Ma gli strumentisti suonano da soli, vanno per proprio conto. Il direttore non dirige alcunché. È preso da ben altri tormenti, a cominciare dal desiderio di provare a mettere ordine nella propria testa, attraversata come un fiume in piena dai più diversi e contrastanti pensieri. Questo flusso verbale continuo, che ospita il caotico vorticare del mondo, dà voce nella sua totale nudità a quella perdita di senso e direzione in cui tutti ci sentiamo precipitati, perdita qui rimarcata dall'andamento acefalo dell'organico strumentale. Più che un personaggio, dotato di una sua precisa psicologia e di un'altrettanto precisa biografia, il direttore-attore risulta essere il pretestuoso ventriloquo dei nostri giorni. La sua voce e il suo corpo danno forma e sostanza a un gesto teatrale estremo, teso a collegare, per quanto ancora possibile, gli universi impersonali della poesia e della musica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento