menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101226105853_moni-ovadia

20101226105853_moni-ovadia

Moni Ovadia incanta il pubblico alla Basilica Minore di Maria SS. Incaldana

Mondragone - Un'atmosfera fuori dal comune, che ha emanato emozioni indescrivibili e, forse, mai provate per i mondragonesi. Questa sera, a partire dalle ore 17, presso la Basilica Minore di Maria Santissima Incaldana a Mondragone, si è tenuto...

Un'atmosfera fuori dal comune, che ha emanato emozioni indescrivibili e, forse, mai provate per i mondragonesi. Questa sera, a partire dalle ore 17, presso la Basilica Minore di Maria Santissima Incaldana a Mondragone, si è tenuto uno straordinario spettacolo-evento dal titolo "Il Natale delle Religioni", che ha visto, tra l'altro, la presenza di Moni Ovadia e di Fariboz Kamkari.
La serata è stata aperta dall'esibizione dei Cluster (cinque voci a cappella); ha proseguito Fariboz Kamkari accompagnato da Hamid Mohasenipour e Rza Mohasenipour. La conclusione è stata affidata a Moni Ovadia, accompagnato da Miriam Serban, Marin Tanasache e Albert Mihai, tre musicisti rom.
L'artista ebreo ha svolto una riflessione sul Natale, prendendo spunto dalla lettera di auguri ricevuta da un amico.
Ovadia ha invitato a soffermarsi sullo "scandalo del bambino povero", ovvero sulle difficoltà che il Bambin Gesù incontrò al momento della sua nascita. Le stesse difficoltà che a tutt'oggi sussistono e che vengono ignorate dalla stragrande maggioranza della popolazione, "troppo spesso impegnata - ha spiegato Ovadia - ad inseguire un vuoto consumismo".Nel corso della sua performance, Ovadia ha sottolineato l'importanza del valore, più volte richiamato nella Torah (libro sacro degli Ebrei), dell'amore per il prossimo, "concetto - ha spiegato l'artista - che troppo spesso viene trascurato da chi, non sempre a ragion veduta, fa riferimento alle radici giudaico-cristiane della società occidentale".

Luci colorate e, soprattutto tanta buona musica, hanno colorato la serata della Basilica a pochi metri da piazza Umberto I. Ma non solo, Moni Ovadia ha intrattenuto i presenti con una serie di brani, che appartengono alla sua storia personale e che ripercorrono a tratti le tre religioni monoteiste: Ebraismo, Cristianesimo e Islam. L'evento di questa sera, inserito nel programma del Festival "Ri(Nascite) - I Luoghi Ritrovati", organizzato dalla Provincia di Caserta, in collaborazione con la Regione Campania, che dal 16 dicembre, sta facendo incontrare e dialogare grandi artisti di generi, culture e religioni diverse.
I protagonisti della rassegna, che si concluderà il 6 gennaio presso il Duomo di Casertavecchia, con il concerto di Antonella Ruggiero, sta facendo "parlare" i contrasti, intesi come confronti destinati ad arricchire reciprocamente le rispettive esperienze. L'obiettivo della Provincia di Caserta, guidata dal presidente Domenico Zinzi, è quello di coinvolgere i Comuni, unendo le varie realtà territoriali in un unicum, dai centri urbani più popolosi fino ai borghi più rappresentativi di Terra di Lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento