menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101218063306_Washington

20101218063306_Washington

Gospel: 3 eventi con la musica religiosa afro-americana

Salerno - È la città campana più pulita e luccicante a ospitare i 3 appuntamenti con la musica sacra made in Usa, quella che illumina e fa vedere la luce – come gioiosamente proclamava il pastore James Brown nel film-cult "The Blues Brothers" di...

È la città campana più pulita e luccicante a ospitare i 3 appuntamenti con la musica sacra made in Usa, quella che illumina e fa vedere la luce - come gioiosamente proclamava il pastore James Brown nel film-cult "The Blues Brothers" di John Landis. Così domani 18 dicembre, lunedì 27 e giovedì 30 (sempre dalle 20.30 e sempre a ingresso libero), grazie a un progetto dell'associazione Rotte Clandestine sostenuto dall'assessorato comunale al Bilancio, Salerno è pronta ad accogliere solisti e gruppi vocali per vivere le serate delle festività in un'atmosfera angelica, non buonista, ma certamente pacifica.
Si inizia con un magico "Tributo a Mahalia Jackson", che vedrà esibirsi sul palco allestito nella chiesa di Santa Maria dei Campi (località Casa Rocco) Katie Graham. Artista originaria del delta del Mississippi, poi trasferitasi ad Atlanta, la Graham proporrà un repertorio incentrato sui titoli contenuti in album come "Can't Nobody Do Me Like Jesus" e "There's a Blessing with You": da "Christ Is All" a "Heaven In My View", da "God Is Good All the Time" a "He's Alright". Ricordando naturalmente capolavori della Jackson come "Joshua Fit the Battle of Jericho", "How Great Thou Art", "Precious Lord Take My Hand", "Amazing Grace", "Oh Holy Night" e "Trouble of the World".

Per il secondo show, nello splendido barocco della chiesa di San Giorgio (in via Duomo), arriverà il sestetto guidato dalla pianista-cantante Robin Brown, che durante la sua carriera ha trasmesso il suo amore per la musica religiosa afro-americana alle platee di Svizzera, Giappone e Spagna. E spesso a quelle italiane, dove torna anche in questo inverno 2010 per cantare accompagnata da 5 voci spiritual.
A chiudere il tris di recital saranno quindi i Tony Washington Singers, che il 30 dicembre sono attesi nella chiesa del Crocifisso (via dei Mercanti): rhythm'n'blues, gospel, funky ma anche rap nelle melodie divine del sestetto coloured che se nell'espressione vocale mantiene intatta la tradizione a stelle e strisce nell'impatto ritmico pulsa quasi come una rock-band. Infoline 333 422 6739.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento